.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 18 ospiti collegati
.: Discussione: Centri sociali in rivolta

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 20 Lug 2009 - 21:25
accedi per inviare commenti
Dal sito Web del Comune di Milano:

Rilascio dell'immobile nel 2010

Cox, sentenza pro Comune

De Corato: "Il giudice ha respinto le prove orali che gli occupanti abusivi avrebbero voluto addurre. La decisione ci fa sperare per le conclusioni della vicenda il 25 maggio del prossimo anno”

Milano, 20 luglio 2009 - "In merito alla causa civile che il Comune di Milano ha intentato contro il Cox al fine di ottenere il rilascio dell'immobile sito in via Conchetta, il giudice ha sciolto la riserva posta all'udienza del 24 giugno. E ha respinto le prove orali che gli occupanti abusivi avrebbero voluto addurre. Una decisione che ci fa ben sperare per le conclusioni della vicenda attese per il 25 maggio del prossimo anno". Lo ha detto il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.

"Quell'immobile - spiega De Corato - rioccupato nella notte da pseudorapinatori, che hanno utilizzato pure la fiamma ossidrica, rientrava in un piano di edilizia popolare che non è stato possibile attuare a causa di un'occupazione abusiva. Ed ß stato poi inserito nel bilancio di previsione 2009 nel piano di dismissione immobiliare del Comune di Milano. Ci sono documenti ben precisi che il Comune ha fornito a conferma. Le evocate testimonianze di Dario Fo e compagni, come ha confermato, la decisione del giudice, non contano nulla".

"La natura degli occupanti - continua De Corato - dovrebbe essere ormai chiara. Qui non si tratta di un circolo di bibliofili e filantropi preoccupati dell'archivio Moroni, come avevano sostenuto il centrosinistra milanese e la sinistra radicale quando venne fatto lo sgombero. Basti dire che i 'bravi ragazzi' del centro sociale Conchetta hanno convocato recentemente in quello stabile di proprietà comunale un dibattito sulla sentenza del recente processo alle nuove Br.
Questo dopo aver organizzato incontri con ospite Renato Curcio, fondatore delle vecchie Br".
"Una volta decisa la sentenza, che ci auguriamo favorevole al Comune - sottolinea De Corato - chiederemo il definitivo sgombero. E ci auguriamo che in quell'occasione ci sarà messa a disposizione la forza pubblica. Perché per un altro stabile comunale occupato abusivamente ovvero quello di via Torricelli, occupato dal Circolo del Malfattori, l'esecuzione dello sfratto è stata rinviata ben 39 volte per mancanza di agenti di Polizia a supporto dell'ufficiale giudiziario. Senza dimenticare poi la Cascina Torchiera occupata abusivamente dal 1993. O gli stabili privati occupati da altri centri sociali: il Cantiere in via Monterosa, Panetteria Okkupata in via Conte Rosso, Villa Litta Okkupata in via Litta Modignani".


In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 19 Feb 2009 - 17:35
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]