.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 35 ospiti collegati
.: La forze della memoria: "Porrajmos, lo sterminio nazista dei Rom e Sinti, con proiezione di un video dei DVD"
Segnalato da:
Antonella Fachin - Giovedì, 22 Gennaio, 2009 - 14:55
Di cosa si tratta:
Desideriamo invitarVi a partecipare alla


rassegna "LA FORZA DELLA MEMORIA" II. Edizione  - 

realizzata nell'ambito delle iniziative per il GIORNO DELLA MEMORIA 2009,
organizzata dall'Associazione La Conta
in collaborazione con il Circolo ARCI Martiri di Turro, con l'Istituto Pedagogico della Resistenza e il Coordinamento Sez. ANPI di Zona 5 di Milano.

Ingresso  gratuito con tessera ARCI,
da lunedì 26 gennaio 2009, alle ore 21.00 al  Circolo ARCI Martiri di Turro - Via Rovetta 14 a Milano.
 
PROGRAMMA DELLA RASSEGNA
 
  1. Lunedì 26 gennaio 2009 alle 21,00 - Incontro dedicato a "Porrajmos, lo sterminio nazista dei Rom e Sinti, con proiezione di  un video dei DVD "A forza di essere vento" ( Autori diversi - 2006 - Editrice A) con la partecipazione di Dijana Pavlovich, attrice Rom, che ci racconterà alcune storie e memorie del popolo Rom e Sinti. 
  2.  Lunedì 2 febbraio 2009 alle 21,00 - Proiezione del film "IL PIANISTA" di Roman Polanski - Polonia - 2002 . Presenta la serata  uno studioso dell'Associazione La Conta, che ci parlerà, tra l'altro, del Ghetto di Varsavia nel periodo dal 1938 al 1945.
  3. Lunedì 9 febbraio 2009 alle 21,00 - Incontro dedicato a  "La deportazione politica nell'area industriale di Sesto San Giovanni" "( 1943-1945)  con la partecipazione di Giuseppe Valota dell'ANED di Sesto S.G. figlio del deportato Guido, deceduto nel campo di sterminio di Mauthausen, che ci parlerà di una sua ricerca condotta per oltre 15 anni, pubblicata in un libro, che ha dato nome e volto a 553 lavoratori deportati dai nazisti e dai fascisti nei campi di concentramento nel 1943-1945. 


Tre  incontri di testimonianze,  di conoscenza, di memoria, di Resistenza, per non dimenticare mai.
 
 
IL GIORNO DELLA MEMORIA - Legge 20 luglio 2000 n. 211
Art. 1
1. La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria" al fine di ricordare la  Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani  che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte nonchè coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio ed al rischio della propria vita, hanno salvato altre vite e protetto perseguitati. 

"LA FORZA DELLA MEMORIA" II Ed.
GIORNATA DELLA MEMORIA 2009 
 
Lunedì 26 GENNAIO 2009

INCONTRO DEDICATO A:

"Porrajmos, lo sterminio nazista dei Rom e Sinti"

PROIEZIONE DI UN VIDEO DEI DVD
"A FORZA DI ESSERE VENTO - LO STERMINIO NAZISTA DEGLI ZINGARI"

con la partecipazione di
DIJANA PAVLOVICH - ATTRICE ROM

Lunedì 2 FEBBRAIO 2009

proiezione del film

"IL PIANISTA"
di ROMAN POLANSKI- POLONIA - 2002

Presenta la serata:
UNO STUDIOSO DELL'ASSOCIAZIONE LA CONTA

Lunedì 9 FEBBRAIO 2009

INCONTRO DEDICATO A:

"La deportazione politica nell'area industriale di Sesto San Giovanni" ( 1943-1945)"

con la partecipazione di
GIUSEPPE VALOTA - ANED DI SESTO SAN GIOVANNI 

Alle ore 21,00 c/o ARCI Martiri di Turro
  Via Rovetta, 14 Milano

INGRESSO GRATUITO con tessera ARCI

LA RASSEGNA E' ORGANIZZATA IN COLLABORAZIONE CON IL CIRCOLO ARCI MARTIRI DI TURRO, L'ISTITUTO PEDAGOGICO DELLA RESISTENZA E IL COORDINAMENTO Sez. ANPI DI ZONA 5 DI MILANO


"A forza di essere vento - Lo sterminio nazista degli Zingari" di e/o con Moni Ovadia, Paolo Poce, Fracesco Scarpelli e tanti altri - 2006 - Italia
Lo sterminio nazista degli Zingari, si sa assai poco: solo negli anni '60 sono iniziate le prime ricerche storiche. La scommessa è quella di fare breccia nel muro di gomma dell'indifferenza, dell'abitudine quotidiana a tragedie e massacri, del pregiudizio verso un popolo “brutto, sporco e cattivo”. La scommessa è altresì quella di aprire il cuore, il cervello e il portafogli di un tot di persone disposte ancora a emozionarsi, a cercare di capire, ad ascoltare le voci e le canzoni, le testimonianze drammatiche e la gioia di vivere di gente diversa da noi, molto diversa. Gente dignitosa.
Si tratta di documentari di interviste, spettacoli musicali relative agli Zingari, allo sterminio di cui furono vittime durante la Seconda Guerra Mondiale, fino alla loro realtà attuale. Quanti, non si saprà mai. Diciamo cinquecentomila. Tanti furono, più o meno, i Rom e i Sinti, gli Zingari, o meglio gli Zigeuner -  usando il termine spregiativo tedesco - che furono sterminati dai nazisti. Oltre ventimila passarono per il camino del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, all'interno del quale tra il febbraio 1943 e l'agosto 1944 funzionò lo Zigeunerlager, un "campo nel campo" riservato appunto a loro. Il primo documentario, dopo una breve introduzione di Moni Ovadia (Hai mai avuto un amico zingaro? 19'), c'è un'intervista con Marcello Pezzetti, del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea, che ricostruisce la storia dello Zigeunerlager (19'57"), che era il settore del campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau ddicato agli Zingari, in funzione dal febbraio 1943 all'agosto 1944. C'è poi il documentario Porrajmos 29'34") realizzato per l'Opera Nomadi dai registi Paolo Poce e Francesco Scarpelli. La parola che dà il titolo significa, in romanes (la lingua zingara, derivata dal sanscrito), "distruzione" ed è analoga all'ebraica Shoà. Si continua con l'intervista (Hugo, 19'25") al sinto tedesco Hugo Hoellenreimer, internato nello Zigeunerlager e torturato da Josef Mengele: intervista realizzata dalla regista Giovanna Boursier ad Auschwitz nell'agosto 2004 e così di seguito.
Dove:
Circolo ARCI Martiri di Turro - Via Rovetta 14 a Milano
Quando:
Da Lunedì 26 Gennaio - 21:00 a Lunedì 26 Gennaio - 23:00