.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 49 ospiti collegati
.: Discussione: Milano Expo 2015 e le infrastrutture: metropolitane, strade,...

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 17 Feb 2009 - 13:39
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da corriere.milano.it:

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/09_febbraio_17/sei_linee_metro-1501008415913.shtml

Pronti altri due progetti per il Cipe. Il nodo della società di gestione della M4

Nuovi metrò, sei linee entro il 2015


Pressing sul governo: subito i fondi. Il Comune: linea 4 a rischio se non si sbloccano i 125 milioni degli immobili

MILANO - Le previsioni più ottimistiche danno i primi cantieri della linea 4 del metrò in partenza entro l'anno. Ma l'obiettivo è in bilico su una circolare e una delibera. La circolare è del Tesoro, ridefinisce il patto di stabilità e rischia di bloccare i 125 milioni d'investimenti in infrastrutture ricavati dalla dismissione degli immobili comunali: Letizia Moratti è in pressing all'Anci e col governo, chiede che sia rivista l'interpretazione del documento e si augura che alla fine «prevalga la ragione». La delibera attende invece il via libera dalla giunta Moratti: è l'annunciata (da otto mesi almeno) gara per l'individuazione del partner privato nella società di gestione della M4. Si sono pre-qualificate tre imprese, gli atti sono nelle mani del direttore generale di Palazzo Marino e qui assicurano che il testo sarà firmato appena possibile. Quando? Dopo che saranno sciolti i dubbi sulla circolare Tremonti (e siamo daccapo). Con una certezza, però: se la previsione venisse azzeccata, i lavori inizierebbero con 12 mesi di ritardo. False partenze. Burocrazia e politica. La rete metropolitana del futuro è un tema delicato e scivoloso.

Tre nuove linee più alcuni prolungamenti vanno inseriti nella Milano dell'Expo, prima dell'Expo. La fotografia, oggi, è questa: 20 milioni di passeggeri all'anno su 75,5 chilometri di vene sotterranee. In città si stanno realizzando 14,7 chilometri ed entro il 2015 ne vanno costruiti altri 60. Totale: circa 150 chilometri. Peccato che manchino ancora 2,3 miliardi per treni e gallerie. Così l'assessore Edoardo Croci: «Lo sviluppo della mobilità sostenibile è una priorità» per gli obblighi internazionali e «una necessità» anti-traffico. Il sottosegretario Roberto Castelli assicura che i fondi arriveranno. La mappa dei nuovi metrò va scomposta per fondi e lotti. La linea 4 è divisa in due tranche: i soldi ci sono per la prima tratta, 790 milioni per le 13 stazioni da San Cristoforo al Policlinico (gli scavi archeologici sono finiti), mentre vanno stanziati 910 milioni per le 8 fermate da Lorenteggio a Linate (il Comune sta esaminando il progetto definitivo di questi 7,7 chilometri, poi andrà al Cipe). La talpa meccanica sta invece già scavando le 9 stazioni della linea 5 da Garibaldi a Bignami, un corridoio di 6,1 chilometri.

Il progetto del secondo braccio, i 6,3 chilometri Garibaldi-San Siro, sarà consegnato «a breve» dalla società M5 al Comune: servono 657 milioni e la richiesta andrà al Cipe nel 2009. Anche qui, le previsioni danno l'avvio dei lavori quest'anno e la partenza del servizio nel 2014. La linea 6 è inserita nel dossier Expo e costa 1,6 miliardi: solo gli 870 milioni del primo ramo sono già collegati all'Esposizione. Gli ultimi fondi sono stati stanziati dal Cipe a gennaio: 30 milioni per il raccordo della linea rossa da Sesto a Monza-Bettola (l'appalto, da 210 milioni, sarà affidato entro l'anno). Altri due prolungamenti del metrò sono in fase di progettazione: la tratta Cologno-Vimercate (10,8 chilometri della linea verde) e i 14,7 chilometri della gialla da San Donato a Paullo (ma vanno confermati i finanziamenti da 533 e 800 milioni e sbloccate le procedure). Le quattro nuove fermate della linea 3 oltre Maciachini, da Dergano alla Comasina, saranno pronte a fine 2010. Mentre saranno inaugurati entro fine anno i due terminal di Assago sul ramo della verde che si stacca da Famagosta (manca una decina di milioni di euro, solita questione politico-burocratica).

Armando Stella

17 febbraio 2009


In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 19 Gen 2009 - 16:54
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]