.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 182 ospiti collegati
.: Discussione: Milano Expo 2015 e le infrastrutture: metropolitane, strade,...

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 10 Lug 2009 - 16:14
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

Le nuove linee prevedono la realizzazione di circa 20 chilometri di metrò

Roma «congela» 600 milioni,
a rischio le nuove linee del metrò

Slitta a fine luglio il finanziamento per l’avvio cantieri della 4 e della 5. La Moratti: sono opere fondamentali


Doccia fredda da Roma: rischiano di slittare i finanziamenti per le linee 4 e 5. Il Cipe dovreb­be deliberare entro il 31 luglio per consentire l’avvio delle procedure d’appalto e la consegna delle opere nei tempi prestabiliti, ma negli am­bienti parlamentari il clima è di preoccupazio­ne e l’impressione è che per Milano non tiri un’aria favorevole, tanto che la riunione di lu­glio del Comitato interministeriale per la pro­grammazione economica potrebbe saltare.

A Palazzo Marino sale il nervosismo, anche se il sindaco Letizia Moratti cerca di rassicurare soprattutto se stessa: «La conferenza di servizio sulle metropolitane 4 e 5, in preparazione del Cipe di luglio, si terrà tra questa settimana e la prossima», ha precisato ieri prima di ammette­re che la riunione «non è ancora stata fissata». In ballo ci sono circa 600 milioni di euro del­lo Stato indispensabili alla realizzazione delle nuove linee. Per perorare la causa l’assessore al Bilancio, Giacomo Beretta, è andato in trasferta a Roma, per illustrare gli interventi davanti alla commissione Lavori pubblici del Senato.

L’as­sessore, accompagnato dal direttore centrale della Mobilità, Antonio Acerbo, ha ricordato che «il Comune ha provveduto a fornire le co­perture economiche di propria competenza», ri­marcando «il fondamentale ruolo delle prossi­me decisioni del Cipe». Palazzo Marino ha insi­stito sul fatto che i progetti sono «indispensabi­li per essere pronti ad accogliere i milioni di vi­sitatori dell’Expo 2015». Si tratta di realizzare circa 20 km di nuove linee, con 40 fermate che attraverseranno la città. Ma per rispettare i tem­pi di aggiudicazione e di cantiere è necessario che la certezza dei fondi arrivi entro luglio. In caso contrario potrebbe diventare indispensabi­le una corsia accelerata, ma solo un commissa­rio sarebbe in grado di garantirla.

Rossella Verga
10 luglio 2009

Dal sito Web del Comune di Milano:

Metropolitane

Moratti: “Milano in linea con le metropoli europee”

Gli investimenti complessivi per la M5 sono di 1,284 miliardi di euro, mentre per la M4 sono di 1,699 miliardi di euro. Entrambe sono finanziate attraverso il meccanismo del project financing

Milano, 10 luglio 2009
- “Proseguiamo con il progetto delle metropolitane, la seconda tratta della M4 da Sforza- Policlinico a Linate e la seconda tratta M5 da Garibaldi a San Siro - ha dichiarato il Sindaco di Milano Letizia Moratti – con un investimento complessivo di oltre due miliardi che il Comune ha effettuato assieme al Governo centrale e anche ai privati. Con questo investimento poniamo la città in linea con le altre grandi città europee, arrivando così ad una copertura per abitante pari al 60% rispetto al precedente 40%”.

“Un investimento che crea occupazione e sviluppo – ha spiegato il Sindaco – nato grazie a Milano Expo 2015. I finanziamenti – ha aggiunto Letizia Moratti – sono stati già confermati al tavolo Lombardia ed è prevista una conferenza di servizi, preparatoria del CIPE, il 15 e 16 luglio che prevede all’ordine del giorno la seconda tratta della M4 e M5”.

“Il forte sviluppo della metropolitana rappresenta un vero e proprio salto di qualità che consentirà, in vista di Expo 2015, di garantire una mobilità sempre più rapida e confortevole a chi vive ed opera a Milano con effetti positivi sull’ambiente, sul traffico, sull’occupazione, sul territorio e sui valori immobiliari –ha dichiarato l’assessore Edoardo Croci – In particolare, la M5 è stata progettata in modo integrato con lo sviluppo urbanistico della città e consentirà di realizzare un riqualificazione urbana complessiva lungo i propri percorsi”

Gli investimenti complessivi per la M5 sono di 1,284 miliardi di euro di cui 557 milioni per la prima tratta da Bignami a Garibaldi e 727 milioni per la seconda da Garibaldi a San Siro.
Gli investimenti complessivi per la M4 sono di 1,699 miliardi di euro di cui 789 milioni per la prima tratta da Lorenteggio a Sforza Policlinico e 910 milioni per la seconda da Sforza Policlinico a Linate.
Entrambe le nuove linee sono finanziate attraverso il meccanismo del project financing che prevede una divisione dei finanziamenti tra Stato, Comune e società private scelte mediante una gara.
Gli investimenti per la realizzazione delle nuove linee ed i prolungamenti di quelle esistenti comporterà un investimento complessivo di 2.9 miliardi di euro.

La popolazione servita al 2015 dal solo servizio metropolitano passerà dal 41.1 per cento al 58.3 per cento con un incremento della percentuale della copertura del 41.8 per cento. I passeggeri trasportati saranno 518 milioni rispetto ai 359 milioni attuali con un aumento percentuale del 44 per cento.

Con il progetto definitivo della seconda tratta della M5, per cui si prevede l’inizio dei lavori a maggio 2010 e il termine – in tempi record - nel novembre 2014, si realizzeranno 7 nuovi km per 10 fermate. In questa seconda tratta saranno 4 i punti di interscambio: a Lotto con la M1 e  la Filoviaria 90/91, a Domodossola con la Stazione FNM (linee FNM e “S”) e linea tranviaria 19, a Cenisio con le Linee tranviarie 12 e 14 e al Monumentale con le linee tranviarie e automobilistiche provenienti dall’asse di via Farini.

La linea servirà anche i tre futuri parcheggi di interscambio collocati in via Harar presso la stazione terminale San Siro Harar – Dessié; Via dei Rospigliosi  presso la stazione San Siro Trotter; Viale Scarampo, Via Silva presso la stazione Portello per un offerta complessiva di  2.930 posti auto, rinforzando ancora di più la possibilità di muoversi agevolmente con i mezzi pubblici per arrivare nel centro cittadino.

La Linea 5 si estenderà complessivamente per 12,6 km, sarà in grado di trasportare 96 milioni di passeggeri l’anno e avrà una velocità commerciale 28.6 km. La M5 sarà completamente automatizzata e accessibile ai disabili, sarà una metropolitana “amica dell’ambiente”, illuminata a led e permetterà il risparmio annuale del 7% di emissioni di CO2. Ciascuna delle due tratte toglierà dalla strada oltre 700.000 veicoli all’anno.

Con la realizzazione della linea è prevista la riqualificazione di alcune aree di superficie con la realizzazione di 11.400 mq di nuove aree a verde e di 8.100 aree pavimentate in cui verranno inserite 4 aree per i bambini e una per gli anziani,verranno inoltre realizzati circa 2 km di piste ciclabili.

Il percorso della M5 si svilupperà sinergicamente con le realizzazioni e le riqualificazioni urbanistiche della città, la linea servirà infatti i quartieri di Garibaldi – Repubblica e il nuovo quartiere City Life in cui verrà inserita l’apposita fermata di “ Tre Torri”.

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 9 Lug 2009 - 12:17
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]