.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 59 ospiti collegati
.: Discussione: Palazzo Marino: ancora rimpasti?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Eugenio Galli

:Info Messaggio:
Punteggio: 10
Num.Votanti: 2
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Eugenio Galli il 30 Ott 2009 - 01:17
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Le responsabilità della politica

Le voci insistenti dei media sul ridimensionamento dell’assessore Edoardo Croci e le ipotesi circolanti sulla sua imminente sostituzione o sul suo “commissariamento” ci allarmano e confermano ancora una volta che sulle politiche che riguardano ambiente, trasporti e mobilità tira purtroppo un’aria da campagna elettorale permanente.

                                          

A Milano si gioca su questi temi una partita difficilissima. Perché è necessaria una evoluzione dei comportamenti che solo una politica saggia e autenticamente lungimirante può favorire e rinforzare, dopo decenni di incuria. O viceversa scoraggiare definitivamente, diluendola attraverso scelte timide e blande.

 

Occorre ridurre il traffico veicolare privato, incentivare il trasporto pubblico e la mobilità flessibile, il car sharing e il bike sharing, sostenere concretamente l’utilizzo diffuso della bicicletta, promuovere la sicurezza stradale, affrontare il nodo della logistica delle merci in città…

 

A costo di ripeterci, ricordiamo che a Milano si conta una media di 60-70 auto ogni 100 abitanti. A Berlino, Londra, Parigi, Copenaghen, la cifra oscilla tra le 20 e le 30 auto ogni 100 abitanti. Cioè, nelle altre città europee, vi sono da un terzo alla metà di automobili in meno. In sosta e in movimento.

Ma non basta: le auto private viaggiano nel capoluogo lombardo mediamente con 1,25 persone per abitacolo. In pratica, si spostano con il solo conducente a bordo, come è facile constatare semplicemente fermandosi a guardare il traffico che scorre – si fa per dire –  lungo una qualsiasi delle congestionate strade della nostra città.

 

Traffico, inquinamento, salute, tempi e qualità della vita sono legati da un sottile filo rosso.  E riguardano tutti i cittadini.

Che siano quindi temi nevralgici, non è in dubbio. Che si scontrino sensibilità differenti, è pure inevitabile. Ma sarebbe bene che si evitassero atteggiamenti irresponsabili ed attenti unicamente al tornaconto politico in vista di future consultazioni elettorali.

 

Servono scelte chiare, coraggiose, coerenti, di alto profilo. Che il Sindaco dichiara ricorrentemente di volere ma su cui pare evidente che la sua maggioranza non sia altrettanto disponibile a spendersi fino in fondo. 

Non bastano gli slogan per migliorare la situazione.

Lo stallo in cui versa Ecopass, unico concreto provvedimento sinora adottato dalla Giunta (che alcuni giorni fa un autorevole esponente della maggioranza in Consiglio comunale ha senza mezzi termini definito “un esperimento che deve avviarsi a chiusura”), crediamo ne sia un significativo esempio:  tra tante timidezze, esitazioni e incongruenze si prefigura il rischio di perdere un’occasione unica per la città.

Né siamo soddisfatti del poco che si è fatto a favore della ciclabilità, lo abbiamo già detto tante volte.

 

L’assessore Croci ha cercato, tra molti ostacoli, di perseguire importanti obiettivi di miglioramento. Noi non sappiamo ancora se si possa definire lo spacchettamento delle responsabilità su mobilità, trasporti e ambiente come una resa dei conti, ma non sembra ipotesi così inverosimile. E tuttavia, se il Sindaco deciderà di spogliarsi di un assessore preparato e competente, in un ruolo decisamente scomodo e difficile, dovrà saper affrontare lei stessa il rischio di uno svuotamento della sua capacità di svolgere un’azione incisiva ed efficace su temi sui quali ha chiesto e ottenuto l’investitura con il voto dei milanesi tre anni fa.

 

Eugenio Galli (presidente Fiab CICLOBBY Milano)

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 29 Ott 2009 - 13:04
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]