.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 36 ospiti collegati
.: Discussione: 90mila alberi per Abbado

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 3 Feb 2010 - 11:11
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Da milano.repubblica.it:

Niente alberi in piazza Duomo
il Comune boccia il progetto Piano


Determinante nell'orientamento dei consiglieri la valutazione dei costi e delle difficoltà tecniche per la realizzazione del progetto
di Teresa Monestiroli

Renzo Piano dovrà rinunciare agli alberi in piazza Duomo, pensati e studiati per l’amico Cluadio Abbado. Ma forse anche all’infilata di piante che ha progettato lungo la direttissima che dalla cattedrale porta al Castello Sforzesco: duecentoventi alberi che dovrebbero rinverdire il centro storico ma che, per il sindaco, «sono un progetto difficile». «Il problema dei sottoservizi — spiega Letizia Moratti — aumenta molto i costi della piantumazione e può creare disservizi in città per i lavori che devono essere fatti».

Il piano del verde ideato dall’archistar per piazza Duomo e dintorni è solo il fiore all’occhiello di un progetto più ampio che prevede l’arrivo a Milano di 90 mila come chiesto dal direttore d’o rchestra Claudio Abbado come condizione fondamentale per tornare sul podio del Teatro alla Scala. Un’idea accolta inizialmente con entusiasmo da Palazzo Marino, ma che ora vede una frenata improvvisa. Il parere della Metropolitana milanese è negativo: in piazza Duomo il suolo a disposizione per piantare alberi è pochissimo e il rischio di sfondamento delle gallerie del metrò molto elevato, dunque niente verde davanti alla Cattedrale.

Ma anche il conto economico presentato dall’architetto lascia perplessi tutti, sia maggioranza che opposizione. Secondo le stime, infatti, la messa a terra di ogni pianta — Abbado ha chiesto esplicitamente la piantumazione, non i vasi — costerebbe 10 mila euro, a causa del corposo intervento strutturale che coinvolgerebbe i sottoservizi cittadini, per un totale di 2 milioni e 200 mila euro.

Una cifra elevatissima in confronto al milione di euro già messo a bilancio che il Comune spenderà per riforestare con 20 mila piante le aree di ingresso della città (Boschetti dell’accoglienza). E anche se i due “maestri” si sono impegnati a cercare sponsor disponibili a contribuire alle spese, la Moratti frena. Dopo il parere negativo, e unanime, del Consiglio comunale il sindaco dice: «Faremo una riunione di approfondimento con il maestro, i tecnici e Piano e terremo conto di quello che è stato ribadito in commissione». Ieri stesso ha inviato una lettera a tutti gli interessati per convocare al più presto una riunione.

Il progetto ha già sollevato molte polemiche e solo una settimana fa l’architetto genovese, in un’intervista rilasciata a Flair, aveva espresso amarezza per le difficoltà sollevate da Milano. «Pensavo fosse più facile — aveva detto Piano — invece per nulla. Mi sono sentito dire di tutto, che la città è fatta di pietra e non di verde e castronerie varie, ma ci riusciremo». Forse invece il sindaco dovrà dirgli che non ci riuscirà. Di certo non in piazza Duomo, dove anche l’idea di costruire un basamento per dare più spazio alle radici è stato bocciato dai tecnici della metropolitana.

(03 febbraio 2010)
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 2 Feb 2010 - 12:20
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]