.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 81 ospiti collegati
.: Discussione: Considerazioni sul bilancio preventivo del comune di milano 2009

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 4
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 4 Dic 2009 - 15:53
accedi per inviare commenti
Il Governo Berlusconi? basta un vecchio proverbio per definirlo: tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare... altro che ponte sullo stretto di Messina!!
... e la Lega a Roma che ci sta a fare? Come mai non grida più "Roma ladrona"?... forse perchè adesso a Roma c'è lei? Milanesi che l'avete votata.. aprite gli occhi!
Idem per coloro che hanno votato Forza Italia: forza rendetevi conto che vi stanno prendendo in giro!!!

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
 -----------------------------------------

BILANCIO: ASSESTATO…MENO STATO
Approvato la correzione del bilancio comunale 2009, pesa il mancato introito di fondi promessi e mai arrivati da Roma
da ChiamaMilano del 4 dicembre 2009



Martedì 1 dicembre il Consiglio Comunale ha approvato la delibera di assestamento del Bilancio 2009, la manovra correttiva necessaria per rispettare il Patto di stabilità e far quadrare i conti, garantendo il pareggio finanziario tra le voci di entrata e di uscita.

Introducendo la discussione in aula, l’Assessore al Bilancio Giacomo Beretta non ha esitato a sottolineare, come già aveva fatto recentemente, quanto pesi sul bilancio il mai avvenuto reintegro statale del mancato gettito Ici: non mancano all’appello solo i 39 milioni di euro che avrebbero dovuto costituire il Fondo anticrisi, ma anche altri 23 milioni e rotti.

Sempre da Roma si registrano mancati versamenti al capitolo “settore sociale” (-400 mila euro), al capitolo “immigrazione” (-111.405 euro) e al capitolo “tossicodipendenze” (-2 milioni e 600 mila euro).

E d’altra parte è l’Assessore stesso a dichiarare che Milano riceve “trasferimenti nettamente inferiori alla media nazionale” e che “se i trasferimenti statali in parte corrente fossero in media nazionale il comune di Milano avrebbe 182 milioni di euro in più di entrate e potrebbe dimezzare tasse e tariffe sui servizi pubblici e investire il 24% in più”.

A “tarpare le ali” dell’Amministrazione sarebbe l’eccessivo rigore del Patto di stabilità: l’Assessore sta da tempo contrattando con il governo per allentarne la morsa soprattutto per garantire la realizzazione delle grandi opere connesse all’Expo. Ma il Ministro Tremonti sembra non voler sentir ragione.
Le minori entrate rispetto alle previsioni di fine 2008 si aggirano attorno ai 95 milioni. A causa della contrazione del mercato e al conseguente mancato investimento di soggetti privati nel settore edilizio, mancano all’appello 40 milioni di euro legati agli oneri di urbanizzazione.
Si registra un -5,2 milioni alla voce “imposta comunale sulla pubblicità”, mentre un’altra previsione d’entrata erronea riguarda i proventi da Ecopass:  sono 3 milioni in meno rispetto alle aspettative. In calo anche i proventi dalla sosta a pagamento (-4 milioni).

Infine tra le voci più rilevanti compare una spesa di circa 10 milioni di euro per la chiusura dei contratti con Global Service per la gestione degli alloggi convenzionati (passata ad Aler), circa 13 milioni per spese straordinarie per far fronte alla grande nevicata di gennaio (sono stati necessarie 9 tonnellate di sale e impiegati centinaia di mezzi e uomini in giorni festivi) e altri 5 milioni per la manutenzione dei tribunali a causa di una minore compartecipazione dello Stato a queste spese: “nota questa certamente dolente”, ha dichiarato l’Assessore.
Per ribilanciare i conti il Comune attingerà per lo più dalla distribuzione di un maxi dividendo da 60 milioni di euro di Atm. “Come mai -si è chiesta l’opposizione in aula- l’azienda aveva tutti queste risorse da parte e non ha investito per il potenziamento del servizio?”.
Sarà perché in fondo, nonostante i ripetuti incidenti e i numerosi disagi, secondo il rapporto dell’Assessore Beretta “le prestazioni per trasporti e viabilità sono superiori alla media, sia in termini di produttività dei dipendenti che di qualità dei mezzi”.

Giulia Cusumano
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 1 Dic 2009 - 21:56
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]