.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 27 ospiti collegati
.: Discussione: Considerazioni sul bilancio preventivo del comune di milano 2009

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 17 Ago 2009 - 13:42
accedi per inviare commenti

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

CONSIGLIO. APPROVATA LA 2° VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE


Milano, 28 luglio 2009 – Il Consiglio comunale ha approvato oggi la seconda variazione al bilancio di previsione che prevede alcuni provvedimenti come l’individuazione delle risorse per il rimborso del P.o.c., prestito obbligazionario convertibile in azioni A2A, pari a 335 milioni di euro.

“Posto che l’orientamento dell’Amministrazione è quello di mantenere il controllo paritetico con il Comune di Brescia in A2A – ha detto l’assessore al Bilancio Giacomo Beretta che ha accolto con soddisfazione l’approvazione della delibera -, non avendo ancora optato per la definitiva modalità del rimborso del prestito, è stato deciso di costituire un Fondo di Accantonamento per rimborsi pari a 307,6 milioni di euro. Questa cifra è stata resa disponibile grazie a un puntuale lavoro di ‘pulizia dei residui’, vale a dire a una verifica dei fondi precedentemente accantonati (in via prudenziale) per uscite che non sono avvenute oppure per spese che si è riusciti a ridurre rispetto agli importi preventivati”.

“Per far fronte al rimborso - ha aggiunto Beretta - si procederà così: 285 milioni di euro dal Fondo di accantonamento rimborsi di capitale, costituito in sede di Conto consuntivo 2008 per 307,6 milioni di euro con una quota di avanzo di Amministrazione che è stata vincolata a questo scopo. Gli altri 50 milioni di euro, pari alla restante quota (335 milioni importo nominale del POC – 285 milioni di quota del suddetto Fondo di accantonamento) erano stati invece accantonati a tale scopo nell’esercizio finanziario 2006”.

L’assessore ha poi sottolineato che “a seguito del rimborso del POC, il valore nominale del medesimo viene automaticamente stornato dall'ammontare complessivo dello stock di indebitamento del Comune, liberando una quota pari di risorse che si potranno utilizzare per finanziare opere pubbliche comprese nel programma triennale 2009/2011”.

Beretta ha poi ricordato che “oggi, attraverso il contenuto di questa delibera, diamo anche una risposta alle osservazioni della Corte dei Conti dello scorso aprile, che abbiamo accolto senza alcun intento di sfida o polemico, ma anzi con spirito collaborativo”.
Beretta ha proseguito riassumendo per sommi capi le osservazioni della Corte e ha fornito alcune controdeduzioni stilate dagli uffici comunali competenti.
Oltre all’individuazione delle risorse per il rimborso del POC, la variazione di bilancio votata dal Consiglio comprende anche altri provvedimenti minori, il più rilevante dei quali riguarda la riduzione prudenziale della previsione in entrata del contributo ICI . “La Giunta - ha concluso Beretta - ha ritenuto opportuno stimare tale riduzione prudenziale in 9 milioni di euro. Questa somma sarà recuperata mediante un processo di efficientamento della macchina comunale, riducendo le spese di funzionamento per 7,1 milioni di euro e la spesa per incarichi e consulenze di 1,9 milioni di euro, il tutto garantendo comunque parità di servizi erogati ai milanesi. Tengo a ribadire che la spesa complessiva per la voce consulenze esterne è stata ridotta a oggi a 8 milioni, con un progressivo risparmio negli ultimi 3 anni, di oltre 15 milioni di euro”.

In risposta al messaggio di Maurizio Baruffi inserito il 18 Dic 2008 - 11:30
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]