.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 17 ospiti collegati
.: Discussione: Sant'Ambrogio 2008 - responsabilità e dialogo: una nuova alleanza per Milano

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Francesca Zajczyk

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Francesca Zajczyk il 7 Dic 2008 - 16:11
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
I “non luoghi” di preghiera del sindaco Moratti

Sorprende l’interpretazione intimista del sindaco Moratti all’esplicita richiesta del cardinale Tettamanzi.  Il cardinale nel suo “Discorso alla città” invita chiaramente l’amministrazione pubblica ad applicarsi perché si trovino luoghi di preghiera per coloro che professano religioni diverse dalla cristiana, in particolari i mussulmani. Il sindaco Moratti minimizza, raccoglie l’appello come un’esortazione a cercare i luoghi di culto prima di tutto dentro di sé. Come non fossero, questi luoghi, anche spazi di socialità e di identificazione della propria comunità.
Colpisce, inoltre, che questo accada nello stesso giorno in cui il Governo si affretta a rassicurare calorosamente la Cei: i ventilati tagli ai finanziamenti pubblici alle scuole cattoliche non si faranno. E’ compito delle finanze dello Stato garantire che ci siano luoghi dove poter educare i figli secondo le proprie convinzioni etiche e religiose.
Ma, ci si chiede a questo punto, perché non incoraggiare anche le famiglie cattoliche a trovare questi luoghi principalmente dentro sé stesse?

Sant'Ambrogio, 2008
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 7 Dic 2008 - 15:29
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]