.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 70 ospiti collegati
.: Discussione: Appello ANPI per una lapide all'Albergo Regina di Milano

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 30 Apr 2009 - 14:33
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

PALMERI RICEVE PETIZIONE CON 1.800 FIRME PER LAPIDE DAVANTI EX ALBERGO REGINA
Il Presidente: “Ricordare simbolo dell’abbraccio mortale del nazismo”

Milano, 30 aprile 2009 – Nel 64° anniversario della liberazione dell’ex Albergo Regina, sede del quartier generale nazista a Milano dal 13 settembre 1943 al 30 aprile 1945, il Presidente del Consiglio comunale Manfredi Palmeri ha ricevuto una petizione popolare di 45 pagine con 1.800 firme di associazioni, rappresentanti delle istituzioni, esponenti della società civile, ex deportati e loro familiari, cittadini, per ricordare con una lapide le atrocità commesse tra via Santa Margherita 16 e via Silvio Pellico 7, a pochi metri da piazza Duomo: circa 2.000 persone (ebrei, antifascisti, partigiani, semplici sospettati) furono torturate, uccise, avviate al carcere di San Vittore o direttamente al Binario 21 della Stazione Centrale per essere poi trasferite nei campi di sterminio.

I promotori e i firmatari della petizione, tra cui la famiglia Aniasi, Eva Cantarella, Renato Mannheimer, Moni Ovadia, Arnaldo Pomodoro, Andrée Ruth Shammah, Umberto Veronesi e i sopravvissuti Goti Bauer, Nedo Fiano, Liliana Segre, chiedono che “la nostra città, insignita della Medaglia d’Oro per la Resistenza, ricordi quella drammatica pagina di storia con una lapide nel luogo in cui donne e uomini hanno conosciuto inaudite sofferenze”.

“Questo luogo di buio e di vergogna che ha segnato la storia della nostra città – ha detto il Presidente Manfredi Palmeri – va restituito alla luce della memoria collettiva: vogliamo ricordarlo non solo come un posto fisico di violenze, ma anche come una realtà simbolica dell’abbraccio mortale del nazismo, iniziato con le Leggi razziali del 1938”.

Ricordando l’appello alla responsabilità e alla riconciliazione dell’ex Sindaco Antonio Greppi che, all’indomani del 25 aprile 1945 esortava i vincitori a non sporcare di sangue il proprio successo, Manfredi Palmeri ha assicurato: “Lavoriamo tutti insieme da subito perché il prossimo 30 aprile, 65° anniversario, ci possiamo ritrovare in questo luogo non solo per rinnovare la memoria, ma anche per posare una corona sotto la lapide che si vuole apporre”.

Foto 1 - 2


Da milano.corriere.it:

Albergo Regina - Il 30 aprile 2009, 64esimo anniversario della resa dei tedeschi asserragliati nell’Albergo Regina in via Santa Margherita 16, è stata pubblicamente consegnata al presidente del consiglio comunale Manfredi Palmeri la raccolta di 1.800 firme per la petizione che chiede una lapide commemorativa sul luogo. L'Albergo Regina, dove fu detenuto anche Ferruccio Parri, è tristemente noto per essere stato luogo in cui la tortura e l'assassinio erano le regole di comportamento. Da lì i catturati - ebrei, partigiani, antifascisti, sospettati - venivano avviati al carcere di San Vittore, in molti casi direttamente al Binario 21 della stazione Centrale per essere deportati (Newpress)

Guarda la foto!

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 27 Dic 2008 - 14:01
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]