.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 98 ospiti collegati

.: Eventi

« Settembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Martedì, 11 Novembre, 2008 - 11:11

Obama ecologista, il governo italiano miope e irresponsabile

Il Direttore Generale del Ministero dell'Ambiente minimizza sulla portata del cambiamento che con Obama può essere avviato nell'ambito ambientale e del sistema bioclimatico. Le prime dichiarazioni del neo eletto Presidente degli USA hanno sottolineato l'importanza di un programma che porti sviluppo e crescita occupazionale nel settore dell'investimento sulle nuove fonti di energia alternativa, sostenibile, naturale, disponibile, non esauribile. E', questa, una dichiarazione programmatica rivoluzionaria possiamo dire in un Paese che è stato il principe dello sfruttamento del petrolio e delle fonti carbon-fossili di approvigionamento energetico, con conseguenze drammatiche per il clima, la salute del pianeta e, soprattutto, i rapporti di pacifica convivenza nella risoluzione di controversie internazionali. Tanto è dimostrabile l'alto livello di coscienza e volontà di cambiare modelli di sviluppo energetico nelle parole di Obama, quanto è palese l'assenza di un programma di sostenibilità ambientale e di promozione della tutela dell'ecosistema. Ricordiamo in Europa qualche giorno fa la grave decisione del governo italiano di sospendere l'adesione al protocollo comunitario, ampiamente sostenuto dall'attuale commissione e dal presidente di turno Sarkozy, che chiaramente non possiamo definire un "ecologista" antelitteram, per questioni di puri costi, senza avere la cognizione della portata contenutistica e sostanziale nel merito della proposta convenzionale.La miopia nell'ambito ambientale dell'attuale governo aumenta di portata se si analizza la volontà dell'attuale esecutivo ad attivare le sciagurate centrali a carbone, come si evidenzia nel prossimo piano dei lavori pubblici a Civitavecchia, oppure come testimonia l'intenzione di rilanciare le centrali nucleari, sinonimo di dispendio di risorse economiche, di dilazionamento dei tempi per la loro esecuzione e piena funzionalità, di conseguenze deleterie in termini ecologici, sociali e culturali dei territori interessati.

Alessandro Rizzo

 

 

Roma, Italia — “A proposito della dichiarazione del Direttore Generale del Ministero dell’Ambiente, Corrado Clini, riportata oggi sul sito de “La Repubblica”, c’è la tendenza a sminuire l’importanza storica che l’elezione di Barack Obama avrà per una svolta a 180° della politica americana sui cambiamenti climatici.” - commenta Giuseppe Onufrio, direttore delle Campagne di Greenpeace Italia -“Sono ancora una volta le osservazioni di chi ha fatto il possibile, fino ad oggi, per boicottare le negoziazioni sul clima e che confermano che il nostro è un Ministero contro l’Ambiente.”