.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 37 ospiti collegati

.: Eventi

« Dicembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Martedì, 11 Novembre, 2008 - 10:32

«No alle centrali» Via la campagna anti-nucleare

«No alle centrali» Via la campagna anti-nucleare
Giacomo Russo Spena
 
da Il Manifesto di sabato 8 novembre
«Una scelta sbagliata», «una bufala colossale», «un regalo alle lobby industriali». Esponenti dell'ambientalismo, sindacalisti, singoli intellettuali e politici della sinistra sono pronti a contrastare il governo Berlusconi. E la sua scelta, bandita 21 anni fa con un referendum popolare, di reinvestire sull'atomo. Nasce così l'idea di costituire il «comitato per un'alternativa energetica».
Intanto una ricerca Demos evidenzia come il 46,8% sia favorevole alla costruzione di centrali atomiche in Italia a vantaggio di un 44,1 contrario (un buon 9% sono quelli indecisi). Numeri che cambiano se il sito da costruire è vicino alla propria abitazione: la percentuale di contrari sale al 50,2% e solo il 41 si dice, invece, favorevole. Insomma l'atomo sì, ma non nel giardino di casa mia. Proprio dalle popolazioni locali partirà la campagna del comitato.
«Il movimento antinuclearista deve radicarsi sui territori - dichiara Massimo Serafini di Legambiente e tra i promotori dell'iniziativa - Deve partire dalle vertenze già esistenti». Ad esempio quelle contro il carbone, l'alta velocità e gli inceneritori. La partecipazione e la democrazia diventano così pilastri centrali. «Sosterremo - è scritto nell'appello di convocazione del comitato - il diritto delle popolazioni a fare valere la loro opinione anche, se necessario, con referendum locali». Non c'è quindi l'intenzione di lasciar sole le località che «rischiano di subire una decisione antidemocratica, calata dall'alto». Né tantomeno quella di aspettare l'individuazione dei siti per essere operativi.
Dal canto suo Berlusconi, dopo aver mandato i militati a Chiaiano e averli annunciati in Val di Susa, sembra intenzionato ad andare dritto per la stessa strada anche col nucleare. Lo lascia pensare anche l'approvazione in parlamento, alla fine di ottobre, della nascita di un'Agenzia apposita. Una scelta, per il governo, indispensabile perché meno inquinante e poco costosa. Argomentazioni rigettate dagli ambientalisti che insistono sui caratteri antieconomici e sull'alto rischio di pericolosità dell'atomo: «Il ritorno al nucleare - dicono - è solo una scelta di business». Per i costruttori dei nuovi siti che si andranno a intascare finanziamenti pubblici. Con le centrali che saranno in funzione tra una decina di anni. Quindi non molto utili per sopperire all'emergenza energetica attuale. Si marcia, inoltre, in direzione opposta alle altre potenze mondiali che stanno cercando un'alternativa all'atomo. Come gli Usa. «Obama ha vinto con un programma che annunciava stanziamenti per la ricerca di energie pulite e rinnovabili», ricorda Carlo Podda, segretario generale della Funzione Pubblica Cgil e promotore del comitato. Un giudizio il suo, specifica, a titolo personale perché «da tempo non si discute all'interno del sindacato sul nucleare, speravamo fosse una decisione ormai tramontata definitivamente». Giorgio Cremaschi della Fiom, anche lui sostenitore del neonato movimento, è però fiducioso: «La posizione - spiega - nella Cgil non è chiarissima, ma alla fine prevarrà il no al rilancio dell'atomo».
Il comitato, comunque, punta a organizzare una conferenza di esperti (tra questi Mattioli e Cini) per articolare una proposta di rilancio «di un'alternativa energetica, basata sulle fonti rinnovabili e il risparmio». Nel frattempo il no al nucleare è una discriminante fondamentale da cui partire.