.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 125 ospiti collegati
.: Discussione: Expo e M6: leggenda metropolitana?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 31 Ott 2008 - 15:39
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Riporto un articolo apparso su ChiamaMilano di oggi 31 ottobre 2008.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
------------------------------------------

M6: LEGGENDA METROPOLITANA?
La linea 6, prevista appositamente per l’Expo, è ferma da mesi allo studio di fattibilità

“La MM sta lavorando allo studio di fattibilità. La linea 6 potrebbe avanzare anche più rapidamente delle altre perché è stata inserita nel dossier Expo, ed è quindi considerata un’infrastruttura prioritaria per l’allestimento dell’esposizione”. Queste sono le ultime notizie sulla linea metropolitana 6, e risalgono allo scorso giugno.
Sono passati quattro mesi, il decreto Expo è stato faticosamente firmato, ma la M6 a che punto è?
In questo momento ancora nel limbo delle metropolitane, quel luogo sospeso tra le chiacchiere degli assessori e la curiosità dei cittadini dove lucidi e accessoriati vagoni attendono di percorrere nuovi binari su traiettorie sconosciute.
O anche no, perché ad esempio la M6 per la gran parte delle sue fermate non è che la già esistente linea rossa, che nel tratto Bisceglie-Pagano verrà riverniciata –forse d’azzurro– e rinominata: percorso singolare, ancora da definire.
Forse ci sarà un tunnel indipendente poco più a nord di quello della M1, con una fermata intermedia in zona XX Settembre, di cui non è ben chiara l’utilità. Poi, forse, una fermata intermedia alla Borsa (Piazza Affari), ma si tratta ancora di ipotesi.
La linea proseguirebbe lungo Corso Italia fino a Santa Sofia (interscambio con M4), Porta Ludovica e infine Castelbarco come primo capolinea.
Sta di fatto che un progetto ancora non c’è, meno che mai definitivo, il che rende le tempistiche di realizzazione poco prevedibili: nonostante un tratto di linea di fatto già esista, i lavori non saranno di facile realizzazione.
Bisognerà staccare il ramo Bisceglie senza interrompere il traffico su tutta la linea, e c’è sempre il pericolo –quasi certo, dato che si scaverà in pieno centro storico– di trovare reperti archeologici nel sottosuolo che dilaterebbero ulteriormente i tempi.
Ma allora cosa stanno aspettando?
MM dice di essere in attesa dell’incarico a proseguire da parte del Comune, e considerato che il decreto è arrivato a forza da poco più di una settimana e ancora non è stata fatta la suddivisione delle quote, l’incarico è ancora di là da venire.
Insomma non c’è il progetto, non ci sono i fondi, però tra 6 anni c’è l’Expo. Certo, nei progetti del 2009 compresi nel Piano Triennale delle opere pubbliche adottato dalla Giunta è previsto un investimento di circa due miliardi di euro per le opere connesse allo sviluppo delle metropolitane, ma è noto che i progetti vengono realizzati in funzione delle risorse disponibili.
Intanto Atm, i cui problemi ultimamente riguardano tutto tranne che le nuove linee metropolitane, fa sapere che della M6 non sa assolutamente niente, perché Atm, fanno sapere dagli uffici dell’Azienda dei trasporti milanesi “è solo un gestore, non costruisce le metropolitane, e se le costruisse le farebbe certo meglio di come le fanno adesso.”
Nel limbo delle metropolitane, tra i ‘non so’, i ‘forse’, i ‘ma’ e le fermate immaginarie, la linea 6 ha un posto in prima fila.

Antiniska Pozzi