.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 81 ospiti collegati
.: Discussione: Se non ora quando? - Appello per commissione antimafia

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 22 Apr 2009 - 15:20
accedi per inviare commenti
ecco un altro articolo di ChiamaMilano: il boicottaggio della commissione da parte del centro-destra è una ignominia che la Milano onesta non merita!

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
 ---------------------------------------------------
LA COMMISSIONE CHE NON S’AVEVA DA FARE
Il PdL porterà presto in consiglio una delibera per sciogliere la neonata Commissione antimafia

“Noi andremo avanti. Se la maggioranza vuole chiudere la Commissione consiliare antimafia dovrà portare in Consiglio una proposta di delibera e votarla assumendosene la responsabilità” così Pierfrancesco Majorino, capogruppo del PD in Consiglio Comunale e Presidente della commissione della discordia in quanto consigliere anziano.
L’opposizione a Palazzo Marino è infatti intenzionata a non demordere e nonostante il boicottaggio da parte della maggioranza che ha sempre considerato questa commissione come un tavolo inutile, anzi uno strumento di polemica strumentale, continuerà a riunirsi.
Non sembra però per molto tempo ancora, poiché se il centrodestra ha constatato l’impraticabilità dell’ipotesi iniziale di chiederne lo scioglimento automatico a termini di regolamento, è imminente il deposito di una proposta di delibera da portare quanto prima in aula: “Appena votata la Commissione Expo –ci conferma un autorevole Consigliere del PdL– porteremo in conferenza dei Capigruppo la delibera da votare in tempi brevissimi per sciogliere la commissione antimafia.”
Il destino della Commissione sembra quindi segnato nel solco di una tradizione ultradecennale. Nel 1993 fu la Lega, che allora governava da sola la città, ad opporsi alla costituzione di questo strumento. Nel 2000 fu l’allora Casa delle libertà, AN in testa, che bocciò senza appello la proposta. Roberto Predolin, che era Assessore al commerciò, fu lapiadario: “Queste iniziative non portano da nessuna parte. Perché questi tavoli in cui tutti parlano e basta, sono il modo migliore per favorire la mafia visto che le si lascia il tempo di fare quello che vuole.”
La commissione non si fece, nonostante ciò la mafia continuò a fare ciò che voleva. Anche all’ortomercato, gestito dalla Sogemi, società del Comune di Milano.
Se nel 1993 e nel 2000 non si arrivò alla costituzione della Commissione, questa volta verrà bloccata dopo i primi passi, nonostante gli allarmi che da anni inquirenti e magistrati lanciano sul grado di penetrazione nel tessuto produttivo milanese raggiunto dalla criminalità organizzata.

B.P.
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 7 Apr 2009 - 20:21
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]