.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 109 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Venerdì, 24 Ottobre, 2008 - 11:48

Modifica rotte aeree

Milano, 23 ottobre 2008

 
Alla c.a.
dell'Assessorato alla Assessore alla Mobilità, Trasporti, Ambiente del Comune di Milano;
del Settore Ambiente del Comune di Milano;
del Consiglio di di Milano;
del Presidente della Commissione Territorio, Viabilità e Ambiente del Consiglio di Zona 4 di Milano;
pc Direzione della SEA
 
 
Oggetto: modifiche delle rotte degli aerei in arrivo a Linate e in partenza da Linate
 
Considerato
 
Che sono sopraggiunte diverse istanze da parte di cittadine e di cittadini della zona che hanno ravvisato negli ultimi mesi una maggiore presenza di inquinamento acustico derivante dal passaggio più frequente di aerei in direzione verso l’Aereoporto di Linate e in uscita dal medesimo
 
Constatato
 
Che tale presenza ripetutamente ravvisata particolarmente nella parte sud est del territorio circoscrizionale, luogo da cui sono sopraggiunte il maggior numero di istanze, è conseguenza nell’ultimo periodo di un cambiamento delle rotte aeree che interessano e insistono sull’aereoporto di Linate
 
Visto in diritto
 
Il progetto “Cielo Unico Europeo” licenziato dalla Commissione Europea e che consiste in una riforma dell’organizzazione del traffico aereo, denominato nella sua prima fase applicativa SESAR (Single European Sky Atm Research). Il piano prevede il passaggio da rotte pensate “a scacchiera” a nuovi percorsi pensati come “collegamenti diretti”, attraverso un’ottimizzazione integrata di scali e tratte
 
In particolare si evidenzia
 
Che il progetto del SESAR si articola in un ampliamento dello spazio di volo e in una dichiarata maggiore efficienza delle rotte
 
Preso atto
 
Che nel caso specifico dello scalo di Linate la gestione è affidata a SEA, società di gestione aeroportuale degli scali di Linate e di Malpensa, che agisce, per tutte le sue attività, sulla base delle disposizioni degli Enti di Controllo, a cui partecipa il Comune di Milano con l’84,56% delle azioni complessive
 
Considerato che
 
È intenzione dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Milano disporre nuove norme e un nuovo piano di governo delle emissioni acustiche, e che dovrebbe rientrare in questa categoria la necessità di calibrare le nuove classi definite, in base alle configurazioni urbanistiche e sociali, in base alle presenze di inquinamenti acustici derivanti dai passaggi delle rotte aeree
 
Considerata inoltre
 
L’esperienza del Comune di Pioltello che ha aperto un tavolo di confronto con la società stessa gestrice dello scalo di Linate affinché ci sia informazione e coinvolgimento della cittadinanza residente nella conoscenza e nella definizione di rotte adeguate che non producano effetti invasivi e inquinanti per i territori interessati, tramite, anche, un coordinamento degli Enti Locali presenti nell’area prossima allo scalo stesso
 
si chiede
 
-         Alla Direzione della SEA, di cui è partecipe il Comune di Milano, di informare il Consiglio Circoscrizionale e l’Amministrazione Comunale se siano sussistite modifiche nelle rotte aeree, anche in base alle nuove discipline normative in materia, la loro ratio e la loro percorrenza, frequenza e i possibili studi inerenti gli impatti acustici e aerei derivanti;
-         All’Assessorato alla Mobilità e all’Ambiente del Comune di Milano di provvedere a verificare le nuove disposizioni delle rotte modificate e la loro incidenza sul territorio municipale, sia per quanto concerne gli aumenti, come verificati, dei livelli dell’inquinamento acustico sia per quelli aerei, disponendo provvedimenti e proposte di ridefinizione delle rotte, in virtù della partecipazione del Comune di Milano all’azionariato SEA, delineando un tavolo di confronto con la società stessa e gli Enti Locali interessati, quindi anche quelli del decentramento municipale, indirizzato a rendere partecipate scelte che hanno conseguenze sui territori municipali percorsi dalle stesse tratte aeree, riducendo l’impatto acustico e aereo;
-         Alla Commissione Territorio del Consiglio di Zona 4 di Milano di provvedere a inserire in un punto di un prossimo ordine del giorno la materia sollevata dalla presente interrogazione, invitando dirigenti della SEA, del Settore Ambiente del Comune e dell’Assessorato alla Mobilità e all’Ambiente del Comune di Milano, estendendo la partecipazione alle commissioni omologhe delle zone limitrofe, 3 e 5 maggiormente interessate agli impatti delle rotte aeree in arrivo e in partenza dallo scalo Linate.
Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano