.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 146 ospiti collegati
.: Discussione: Presentato il Piano di Azzonamento Acustico del Comune di Milano

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Andrea Giorcelli

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Andrea Giorcelli il 11 Mar 2009 - 01:13
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Dalla lettura del documento inviato per l'adozione del  Piano di azzonamento acustico da parte del Consiglio Comunale (in allegato), si apprende che, dei nove consigli di zona, solo cinque hanno espresso un parere (per gli altri vale quindi la regola del silenzio-assenso).
 
Il Consiglio di zona 5 ha espresso un parere favorevole, senz'osservazioni. I Consigli di zona 3, 4, 6 e 7 hanno espresso un parere con alcune osservazioni.
 
Il solo parere del Consiglio di zona 7 però non è stato nemmeno preso in considerazione (come si legge anche nell'articolo di giornale allegato), perché giunto oltre il termine fissato, come sempre 30 giorni dal ricevimento del documento al protocollo zonale (anche se è subito apparso troppo ristretto in rapporto all'entità e importanza del documento e al fatto che, dall'entrata in vigore della legge quadro n.° 447/1995 sull'inquinamento acustico che impone ai Comuni la predisposizione del piano di azzonamento acustico, il Comune ha impiegato ben 13 anni  — ricordo che una prima elaborazione, poi abbandonata, fu inviata all'ex C.d.Z. 18 nel 1996!).
 
Il piano è giunto al protocollo zonale martedí 21/10/2008, la prima riunione della Commissione per la presentazione si è tenuta martedí  28/10, con la presenza dei funzionari che hanno illustrato il piano. La seconda riunione per la predisposizione del parere con le osservazioni si è tenuta venerdí 7/11, dopodiché l'argomento è stato iscritto all'ordine del giorno di lunedí 17/11, per l'espressione del parere nel termine dei 30 giorni.
 
È accaduto però che gli stessi consiglieri di maggioranza, che dovrebbero garantire, assai piú dell'opposizione, la prosecuzione delle sedute, hanno a un certo punto cominciato ad abbandonare l'aula alla spicciolata — come risulta dal verbale del 17/11, sono usciti nell'ordine: Maietta (FI), Nanni (FI), Moscheo (FI), Ricciardi (FI), Bonomi (Casini UDC), Leone (FI), Perrone (Casini UDC), Salinari (FI), Vittoria (gruppo misto), Vitelli (FI), Iannacone (AN), Santonastaso (FI), Decorato (gruppo misto), Gabetta (Lega nord), Occhipinti (AN), Tatarella (FI), Villacci (FI) — finché, al punto in questione, i presenti sono diventati 20, al di sotto del numero legale di 21 consiglieri, e la seduta è stata quindi sospesa.
 
Ci piacerebbe conoscere le motivazioni di un sí irresponsabile comportamento, se consideriamo che lunedí 24/11 il parere è stato infine votato, ma in ritardo.
 
Anche perché a causa loro c'è stato uno spreco di lavoro per i consiglieri della Commissione che hanno analizzato il piano (costituito da oltre 120 pagine, piú gli allegati tecnici, tavole, ecc.) e contribuito a produrre le osservazioni.
 
 
I gruppi d'opposizione in C.d.Z. 7
 
Lista Ferrante      

Lista Uniti con Dario Fo

PD

PRC

Verdi


                                  
     
 

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 19 Dic 2008 - 22:24
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]