.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 117 ospiti collegati
.: Discussione: Rubattino - ennesimo episodio di degrado: rapine armate nei box

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Maurizio Forloni

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Maurizio Forloni il 15 Ott 2008 - 09:54
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Desidero porre all'attenzione l'ennesimo episodio che ci deve in qualche modo fare riflettere, o meglio, indurci a pensare a qualche iniziativa concreta.
Nella notte di lunedì 13/10/08 mio figlio Marco è stato minacciato con un coltello e rapinato mentre stava ricoverando la macchina al box. Si è trattato di rapina spicciola (ha fruttato poche decine di euro e un costoso giubbotto di pelle), niente di organizzato. Tuttavia la cosa pericolosa poteva essere la reazione fisica di mio figlio, che invece è riuscito a stare calmo.
La polizia subito avvisata, si è precipitata dando dimostrazione di grande coinvolgimento, e molte volanti sono state allertate per la caccia al malvivente (ragazzo giovane, di accento arabo, nascosto da casco motociclistico, sospettato quella notte di avere effettuato altri furti).

Riflessione a caldo:

Quando, oltre al costante controllo delle volanti, verrà anche effettuato il risanamento della zona con lo sradicamento delle strutture obsolete, cadenti e pericolose ancora esistenti che offrono copertura a questi malviventi?
Quando verrà data sicurezza e decoro alle centinaia di famiglie che vogliono concretamente convivere in un contesto di serena vicinanza?
Ho abitato in altre parti di Milano (anche socialmente più elevate) e raramente ho trovato la cordialità e la solidarietà delle famiglie del Rubattino.
Chiunque, oltre a noi, abbia il potere di intervenire non sciupi questo prezioso patrimonio!
Maurizio Forloni.