.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 69 ospiti collegati
.: Discussione: Box a Milano, dieci anni di scandali

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 3 Ott 2008 - 14:53
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Buongiorno a tutti/e.

Riporto qui di seguito l'articolo apparso sul Corriere della Sera di ieri, 2 ottobre 2008.
Il titolo è esplicativo della situazione dei box sotterranei in Milano, durante l'era del sindaco Albertini, ed anche oggi durante l'era Moratti.
Nonostante le dichiarazioni è difficile poter affermare che ci sia stata soluzione di continuità con i metodi e i criteri adottati dall'allora Commissario straordinario Albertini.
Quali controlli, quali verifiche, quali prescrizioni ha sinora adottato la Giunta Moratti?!?!?
In particolare, dopo la recinzione del cantiere nel settembre 2007, i lavori in Rio De Janeiro sono iniziati nel novembre 2007 con l'espianto di due cedri del Libano e il loro trapianto in piazza Piola: uno dei due cedri -di oltre 50 anni- è già morto e l'altro purtroppo "non si sente molto bene".
Tali lavori sono stati effettuati SENZA contraddittorio, perchè il Comitato di Vigilanza è stato nominato dal Comune di Milano solo alcuni mesi dopo.
Analoga sorte è toccata a piazza Bernini: gli alberi sono stati abbattuti o espiantati in assenza del Comitato di Vigilanza e un giorno prima del sopralluogo della Commissione istruttoria comunale, che potè quindi vedere SOLO la desolazione e lo scempio procurato alla piazza Bernini.
Questi, peraltro, non solo gli unici casi di zona 3, anzi direi che tutti i parcheggi di zona 3 hanno una storia di problemi: per i danni procurati ai caseggiati limitrofi agli scavi, per le varianti autorizzate dal Comune che hanno profondamente cambiato la collocazione del parcheggio, per gli aumenti di prezzi dovuti a "imprevisti" assolutamente prevedibili, se non addirittura noti, per gli anni di disagio arrecato ai cittadini, per lo scempio procurato a piazze alberate e a giardini che erano luogo di incontro per gli anziani del quartiere, per i danni agli esercizi commerciali che hanno subito anni e anni di lavori e sospensioni ingiustificate dei lavori, finendo -alcuni, per fallire.
In particolare, oltre a piazza Novelli, Largo Rio De Janeiro e piazza Bernini, ricordo:
- via Ampere/Compagni: un infortunio sul lavoro molto grave + danni per centinaia di migliaia di euro agli edifici + lavori fermi da mesi (manca la sistemazione della superficie);
- via Bazzini: scavo a cielo aperto e bloccato da molti mesi;
via Benedetto Marcello: da anni -non da giorni, né da mesi, ma  DA ANNI!- i cittadini della via attendono che venga sistemata la superficie tramite la realizzazione del progetto che prevede una area giochi, il ripristino del verde e degli alberi e spazi di socialità, ma il Comune considera più importante accontentare gli ambulanti che vengono da ogni dove anziché i cittadini residenti che abitano il quartiere.

E adesso: buona lettura.

Cordiali saluti a tutti/e
Antonella Fachin
Consigliere Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
www.lasinistrainzona.it
 
 

Da ViviMilano:

In piazza Novelli passa l'elettrodotto: il Comune sapeva

Box a Milano, dieci anni di scandali

Documenti «falsi» per costruire 260 parcheggi, crepe nei palazzi, cantieri allagati dalla falda. In largo Rio de Janeiro tutto bloccato

- Moratti: commissione antimafia, adesso c'è il via libera

MILANO - I lavori sarebbero dovuti terminare a luglio scorso. E invece il parcheggio di piazza Novelli, zona Città Studi, è ancora una voragine che butta acqua e fango. Con i residenti dei palazzi intorno che si lamentano per le prime crepe nelle case. A 500 metri di distanza, in largo Rio De Janeiro, i lavori per i circa 260 box sotterranei sono iniziati (sulla carta) il 25 settembre 2007. È passato un anno, e non è iniziato neppure lo scavo. Ma la piazza da allora è distrutta: cumuli di terra, giardini recintati, alberi tagliati. Sono due piazze devastate. A tempo indeterminato. Da oggi i cittadini sanno perché: sotto l'asfalto di piazza Novelli passa l'elettrodotto, un'autostrada sotterranea che porta l'energia a Milano.

Il Comune sapeva. Ha autorizzato il cantiere. Nel 2005 ha addirittura approvato il raddoppio del numero dei box (da 284 a 483). E ora, a cratere scavato, nessuno sa come andare avanti. All'origine dei ritardi in Rio de Janeiro sembra esserci invece un inghippo di carte: la ditta avrebbe ottenuto l'appalto scambiando i permessi dei vigili del fuoco. Sono due situazioni esemplari nel megabusiness dei parcheggi sotterranei. Esemplari perché a costruire sono due gruppi chiave (uno oggi ha venduto) nella «spartizione» degli appalti assegnati dalla vecchia giunta.

In Rio De Janeiro lavora la Cooperativa Città studi nuova, appartenente alla galassia So.in.so. (coop rosse) che dal 1985 a oggi si è aggiudicata 56 concessioni per parcheggi interrati. In largo Rio de Janeiro la So.in.so. vince la gara nel 1989. L'intero sistema parcheggi si sblocca però solo molto più tardi, all'epoca del sindaco-commissario Albertini, e solo a quel punto (siamo nel 2005) l'azienda si preoccupa di chiedere l'autorizzazione ai vigili del fuoco. Il progetto prevede un sistema di sicurezza antiquato, che la legge vieta già da 19 anni. Progetto bocciato il 3 maggio 2006. Bisogna fare in fretta: viene fatto un nuovo progetto, stavolta in regola, approvato dai pompieri il 21 giugno.

Ad agosto 2007 il Comune firma la convenzione che cede la piazza alla cooperativa: al primo progetto (quello irregolare) sarebbe stata però allegata l'autorizzazione per il secondo. Ci sarebbe quindi uno scambio di carte alla base dell'assegnazione dell'appalto. A gennaio 2008 arriva però il colpo di genio: la Città studi nuova chiede al Comune di costruire un parcheggio da 4 piani invece di 3, che significa vendere più box e moltiplicare gli incassi. Motivazione: «Adeguamento alle prescrizioni pervenute dai vigili del fuoco». Che però non entrano nel merito dei progetti. Dicono solo sì o no sui sistemi di sicurezza. Rispetto ai progetti «fisarmonica », che potevano essere modificati con tranquillità in corso d'opera negli anni precedenti, a Palazzo Marino sono però cambiati giunta e tecnici. Risultato: bocciano il quarto piano e scoprono che la convenzione è basata su documenti definiti «inadatti».

Il 24 settembre scorso l'annuncio del ritiro del permesso di costruire. La cooperativa però si è già mossa nel palazzo, tanto che il 14 agosto scorso, con tutta Milano in ferie, la commissione edilizia del Comune si riunisce e approva una variante con il quarto piano. Oggi tutto è in mano alla soprintendenza per le Belle arti. Con il rischio, spiegano i cittadini, che «il prossimo 20 ottobre scatti il silenzio- assenso». Unico risultato certo, finora: un anno di piazza inagibile.

In piazza Novelli la gara invece è andata a un'altra delle imprese più fortunate nell'aggiudicazione degli appalti, la Quadrio Curzio. Tra 2002 e 2005 ha vinto 20 concessioni per parcheggi, le ultime 3 (tra cui Novelli) arrivate il 29 dicembre 2005, 48 ore prima del Capodanno e della scadenza dei poteri straordinari del sindaco. Il cantiere oggi ha un paio d'anni di ritardo. Una della cause principali: l'elettrodotto «scoperto » nel sottosuolo.

Scoperto? Una relazione del Comune la segnalava già a novembre 2005. Accorgersi di imprevisti che in realtà erano del tutto prevedibili era uno stratagemma usato per giustificare i ritardi nei cantieri (ed evitare così le penali, facendo salire allo stesso tempo il costo dei box: chi paga per i lavori «imprevisti » sono sempre i cittadini). La Quadrio Curzio si giustificava col Comune: ci segnalano «la presenza di un cavidotto... » (lettera del 26 maggio 2006). Quei cavi portano l'elettricità di mezza Milano e sono protetti da «vincolo di inamovibilità » del ministero. Da 18 mesi la Quadrio Curzio, e in seguito la Salini Locatelli, che ha rilevato il cantiere, propone progetti per continuare i lavori senza mettere a rischio l'elettrodotto. Nessuna delle proposte ha fornito finora le necessarie garanzie di sicurezza.

Gianni Santucci
02 ottobre 2008