.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 49 ospiti collegati

.: Eventi

« Aprile 2021
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Francesca Zajczyk
Giovedì, 4 Settembre, 2008 - 23:28

Ancora materne: perchè non sono accettabili le scuse della Moioli

La qualità della vita delle donne milanesi?…parole, parole, parole…..!
“I genitori che protestano sono sempre i soliti quattro gatti….ma la maggioranza sta dalla mia parte” (Moioli, 2 settembre 2008).
Ma come si permette un assessore – anzi, una assessora - di esprimersi in questo modo nei confronti di cittadini e cittadine che non fanno altro che rivendicare un loro legittimo diritto! Quale astio, quale arroganza guidano le sue parole! Quella stessa arroganza, indifferenza e totale disattenzione in realtà alla base delle azioni (o meglio – delle non-azioni) nei confronti delle donne della nostra città.
Sì, perché è facile – quando serve - sottolineare con soddisfazione che Milano presenta il più alto tasso di attività e di occupazione femminile in Italia; che qui le donna occupano posti di prestigio e di potere….e poi? Poi si gestiscono i servizi per l’infanzia come se non si sapesse che l’organizzazione di cura dei bambini continua a ricadere soprattutto sulle spalle delle donne; che, quindi, più degli uomini hanno il problema di gestire la difficile conciliazione tra i tempi del lavoro retribuito e i tempi per la gestione familiare; situazione che, fra l’altro, tende ovviamente a penalizzare in misura maggiore quelle famiglie e quelle donne che si trovano in condizioni economiche più disagiate e che non possono contare su aiuti esterni o parentali.
L’azione dell’amministrazione nei confronti delle donne è totalmente fallimentare sotto questo profilo. Di politica dei tempi – spesa ai quattro venti in campagna elettorale proprio per migliorare la qualità della vita delle donne milanese – non se ne è mai sentito parlare. Anzi, con un certo sarcasmo, potremmo dire che questo assessorato agisce in totale spregio del tempo – del tempo delle cittadine e dei cittadini si intende – adottando decisioni sempre in ritardo e all’ultimo momento.

Sono pienamente d'accordo.

Invito l'assessore Moioli  ( visto che crede che la maggioranza sia dalla sua parte ) a mandare a tutte le famiglie dei bambini delle materne un questionario su come sia stato gestito Luglio e l'inizio delle lezioni.

Vedrebbe i risultati ....

Se non ha il coraggio di farlo lei potremo organizzarci e farlo noi.

 

Paola Artioli

Commento di Paola Artioli inserito Ven, 05/09/2008 10:53

Ottima idea il questionario, sarebbe il modo più diretto e realistico per sapere "quanti stanno dalla sua parte", senza doverlo solo supporre... o pretendere.

Commento di valeria galan inserito Mer, 10/09/2008 21:52

Vorrei comunicare ( ai genitori interessati ) che sul sito http://www.retescuole.net/ c'e' una raccolta firme da indirizzare al comune intitolata:

 

 

CON UNA SETTIMANA DI RITARDO SI APRONO LE SCUOLE DELL'INFANZIA A MILANO
8 SETTEMBRE: PARTE UNA RACCOLTA DI FIRME DA INDIRIZZARE AL COMUNE

Chiediamo una diversa gestione delle Scuole per l’Infanzia e un maggiore rispetto e coinvolgimento delle famiglie 

 

Paola Artioli

 

P.S. Sullo stesso sito ce' anche una raccolta firme contro il MAESTRO UNICO.

Commento di Paola Artioli inserito Gio, 11/09/2008 11:46