.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 118 ospiti collegati
.: Discussione: Milano Expo 2015 e gli accordi

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Isabella Guarini

:Info Messaggio:
Punteggio: 4
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Isabella Guarini il 4 Ott 2008 - 12:23
accedi per inviare commenti
Da una intervista rilasciata a Il Mattino di Napoli, il Sindaco di Milano, signora Letizia Moratti, si è detta  disponibile a fare accordi per l'EXPO2015  con tutte le città del territorio nazionale, quindi anche con Napoli se lo richiedesse, visto che la città è sede del Forum delle Culture 2013. La Moratti ha espresso soddisfazione per l'appalto assegnato a  A2A per la gestione del termovalorizzatore di Acerra. Ha anche dato consigli per il traffico, proponendo l'Ecopass invece della chiusura  del centro. Che dire? Non sarò certo io, che vivo a Napoli, a remare contro le opportunità che si possono creare per  ridare fiato alla nostra economia, ma anche per salvare dalla deriva il marchio Italia  nella globalizzazione. Per questo è necessario che  si lavori insieme per fare uscire  il Sud Italia dal ghetto delle emergenze determinate dal malaffare. Ma è opportuno non lasciarsi trasportare dagli entusiasmi e puntare sul rinnovamento  della classe dirigente politica  che, a Napoli e nella Campania, ci ha portato sin qui, ovvero a essere brutti, sporchi e cattivi, celebrati  in romanzi e  film da Oscar. Sgomorriamoci! L'accaparramento dei fondi europei ha trasformato la città di Napoli in una groviera, con cantieri aperti  dovunque, per la metropolitana, parcheggi sotterranei, mentre  altri  cantieri  sorgeranno per le realizzazioni delle opere per rendere agibile la zona flegrea dove si svolgerà il Forum2013. È vecchia prassi che ogni grande evento si trasformi in cantiere per la costruzione di opere, che dopo  non sono gestite e che degradano, come quelle per la ricostruzione post-terremoto del 1980.  Poiché Napoli non è Milano, nel senso che ha una scarsa disponibilità di strade a causa dell'alta densità edilizia e dell'accidentata orografia, tra colline e vulcani, la proposta per l'alleggerimento del traffico non può essere  che quella di impedire l'ingresso, almeno nel centro, delle auto stanziali che producono inquinamento  da polveri, oltre  a quello  prodotto dai circa mille cantieri in atto. L'Ecopass a Napoli è una prospettiva, ma al momento non potrebbe essere gestito se prima non si provveda a rinnovare e migliorare il Corpo dei Vigili urbani e rendere  le strade e piazze transitabili, liberandole  dai cantieri.

Isabella Guarini
Allegato Descrizione Punteggio
intervistamoratti.jpg
271.06 KB
Intervista al Sindaco di Milano da Il Mattino 02/10/08 0
Vota l'allegato
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 2 Ott 2008 - 20:25
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]