.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 49 ospiti collegati
.: Discussione: Residenza universitaria in via Beato Michele da Carcano

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Andrea Giorcelli

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Andrea Giorcelli il 15 Dic 2008 - 02:43
accedi per inviare commenti
Ho potuto verificare che i riferimenti normativi che hanno consentito l’interpretazione delle Norme Tecniche d’Attuazione del Piano Regolatore Generale, nel senso di poter insediare nelle aree destinate a SC (“servizi comunali”) o SI (“servizi intercomunali”) anche le residenze per studenti universitari, ora considerate come standard urbanistico, a seguito del parere positivo in merito espresso dalla Regione in risposta a un quesito proposto dai Rettori delle Università milanesi e dal Presidente dell’ALER, sono la delibera della Giunta Comunale n.° 2016 del 14/9/2004 (qui allegata per maggiori approfondimenti) e la delibera del Consiglio Comunale n.° 26 del 16/5/2005.
Tutti d’accordo dunque, Università, ALER, Regione e Comune, per una nuova cementificazione aggiuntiva sulle aree destinate a servizi.

Allego anche un’immagine, reperita all’interno della pratica edilizia in oggetto, che raffigura una simulazione d’inserimento dell’edificio in progetto (anzi, in costruzione) nel contesto circostante. Ogni commento è superfluo, ma queste sono considerazioni di natura architettonica ed estetica, che ognuno può fare.

In ogni caso tutta l’area, quindi anche la superficie su cui insisterà l’edificio, è soggetta permanentemente a servitú d’uso pubblico, e la destinazione a residenza universitaria è vincolata per almeno vent’anni, con possibilità a scadenza di rinnovo o modifica finalizzata all’insediamento di un servizio d’interesse generale compatibile con la destinazione urbanistica.
Sono previsti all’interno servizi di pubblico interesse, quindi aperti e rivolti a tutti gli abitanti del quartiere, tra cui negozi, lavanderia, spazi di ritrovo e ristoro, oltre a un giardino retrostante la residenza, anch’esso aperto al pubblico.


Andrea Giorcelli
Consigliere della zona 7 (capogruppo Verdi)
In risposta al messaggio di Massimo Milesi inserito il 15 Lug 2008 - 20:02
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]