.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 99 ospiti collegati
.: Discussione: Bici e parcheggi

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 14 Nov 2008 - 16:52
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Segnalo un nuovo articolo apparso su ChimaMilano oggi 14 novembre in tema di bikesharing.
Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
---------------------------------------------------------
PROVACI ANCORA, SILVIO
Nonostante la benedizione del Premier il bike sharing ancora a ruote sgonfie

Dovevamo aspettarcelo. Quando dieci giorni fa il semper ridens Presidente del Consiglio ha benedetto il bike sharing meneghino dichiarando che “entro fine mese sarebbe partito”, tutto avrebbe dovuto essere chiaro e lampante.
Dovevamo capirlo perché in fondo lo sappiamo: le dichiarazioni del Premier nove volte su dieci vengono fraintese.
Ovvio quindi che parlando di “fine mese” lui mica intendeva fine novembre e tanto meno faceva riferimento al 2008! Con 12 mesi a disposizione in un anno, colpa nostra che ci siamo incaponiti a pensare che “fine mese” significasse proprio “questo” di mese!
E infatti il Bike sharing, già in ritardo sulla tabella di marcia di “appena” 330 giorni, nemmeno questa volta partirà. Le rastrelliere orfane di bici, ma premurosamente incellophanate, in vari punti del centro città, resteranno tristemente inutilizzate ancora per un pezzo.
Lo stop è arrivato dalla Sovrintendenza e dalla Polizia municipale, che hanno ritenuto non idonei la maggior parte dei pannelli pubblicitari grazie ai quali dovrebbero venire coperti i costi del servizio. Problemi di norme che prevedono vincoli relativi alla distanza tra un’affissione e l’altra e di altri cavilli di legge non rispettati.
Senza i soldi di “mamma pubblicità” –ben 150 mila euro al mese versati al Comune dai marchi più prestigiosi attraverso la multinazionale Clear Channel– le ruote della bici restano ancora una volta sgonfie.

G.C.

In risposta al messaggio di Antonella Fachin inserito il 7 Nov 2008 - 15:59
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]