.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 168 ospiti collegati
.: Discussione: Camper del Corriere, il bilancio: una citta' a due velocita'

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 5 Ott 2009 - 14:04
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Da milano.corriere.it:

Si parte dalla «porta di Milano»: piazza Duca d’Aosta

Il camper del Corriere davanti alla Centrale. «Dalla parte dei cittadini»

Oggi dalle 10 alle 18 il primo di dodici appuntamenti. Il problema della sicurezza in città

Ascoltare la voce dei mila­nesi. Oggi, dalle 10 alle 18, il camper del Corriere della se­ra torna nelle piazze con il pri­mo dei 12 appuntamenti pre­visti fino a mercoledì 11 no­vembre. Si parlerà, in questa prima tappa, di sicurezza, del­l’emergenza criminalità, di immigrazione. I cronisti del Corriere saranno in piazza Du­ca d’Aosta, insie­me ai legali del­l’Ordine degli av­vocati che offri­ranno ai milanesi assistenza legale gratuita. Con loro ci sarà anche il prefetto Gian Va­lerio Lombardi.

La stazione Centrale, emble­ma della Milano che cambia, è al centro di un’imponente opera di riqualificazione, non anco­ra terminata. E non ancora di­gerita da chi in questa stazio­ne ci transita («Pochi negozi aperti, cantiere infinito») e pure da coloro che vivono in­torno all’indotto della Centra­le: kebab, phone center, nego­zi etnici. Perché per anni que­sta porta su Milano è stata il simbolo dei suoi problemi. Dai piccoli rom borseggiatori, fino alla prostituzione più o meno palese di via Sammarti­ni e via Napo Torriani, e anco­ra al mercato della spaccio, 24 ore su 24, nel grande piazzale rifugio di balordi e disperati. Oggi l’area è presidiata in ma­niera massiccia con le teleca­mere installate dal Comune in nome della nuova sicurez­za, tanto da farne una delle aree più sorvegliate al mon­do. Poi ci sono i militari, che proprio da qui hanno iniziato poco più di un anno fa la il lo­ro impiego accanto a polizia e carabinieri.

Cos’è cambiato? Quale il bi­lancio di un anno di lavoro? Queste le risposte che atten­dono i giornalisti del Corriere che insieme ai cittadini prove­ranno a fare chiarezza, al di là dei proclami elettorali e delle misure emergenziali. Ci sarà il prefetto Lombardi, come detto. A lui i milanesi chiede­ranno il conto, ma anche rac­conteranno la realtà di un quartiere che per vocazione è e deve essere aperto al futuro. Il presente, quello dei mali e delle eccellenze, della Mila­no del fare e di quella degli an­nunci, cercherà di raccontar­lo il camper del Corriere con le sue 12 tappe nella città. Mercoledì, dopo la sicurezza, sarà la volta delle periferie. In via fratelli Traversi Quarto Og­giaro.

Cesare Giuzzi
05 ottobre 2009

Notizie correlate:

Il video: «Presidiata 24 ore su 24»


guarda tutti i video del Camper

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 4 Ott 2009 - 20:40
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]