.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 27 ospiti collegati
.: Discussione: Clandestini morti sul lavoro

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Jole Garuti

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Jole Garuti il 16 Giu 2008 - 12:32
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Per me la morte di Hassan Mohammed e Salama Awad Omar, egiziani rispettivamente di 27 e 28 anni, è sconvolgente, soprattutto perché nel settembre 2004 sono andata con la Fillea a Piazzale Lotto dove con Libera e l'Arci avevamo deciso di dare il via alla Carovana antimafia.

Erano le 5 di mattina e li abbiamo visti con i nostri occhi i caporali tranquilli in mezzo alla piazza che chiamavano col cellulare i lavoratori che stavano radunati a gruppi nelle vie intorno. Arrivava una macchina o un furgoncino, qualche uomo arrivava dalle vie intorno, ci saliva e andava.
Al secondo giro della nostra auto i caporali (con faccia da mafiosi) ci avevano fatto segno che stavano scrivendo il nostro numero di targa.
Allora ci siamo allontanati e siamo subito tornati con un camper vero, di quelli bianchi, in cui avevamo fatto dei buchi nelle tende in modo che i giornalisti che erano dentro potessero fare fotografie.
Che sono state pubblicate nel volume Vite da cantiere, con DVD allegato su storie di uccisioni di lavoratori mascherate da incidenti e interviste varie.

A quell'epoca il caporalato non era reato...

Potete immaginare la mia/nostra soddisfazione quando il Governo Prodi lo ha dichiarato reato nel settembre 2006 e poi quando a giugno 2007 è stato presentato un disegno di legge con pesanti sanzioni per gli sfruttatori del lavoro degli immigrati e sanzioni per le imprese che hanno lavoratori in nero e proposte di riorganizzazione e coordinamento presso ogni Prefettura degli organismi di controllo sul lavoro.

Ho scoperto ieri con grande amarezza, visto che non mi facevo una ragione della morte dei due operai egiziani, che il DDL è stato approvato solo dal Senato e che il Governo Prodi è caduto senza avere completato (o se preferite senza essere riuscito a completare) alla Camera l'iter legislativo del DDL. Quindi ci eravamo tranquillizzati a torto, leggendo le notizie sulla stampa.

Non è cambiato nulla dal 2004 e adesso il Governo Berlusconi ha dato ai Prefetti l'incarico di schedare i Rom, che evidentemente sono ritenuti molto più pericolosi e fanno più danni di quei caporali che sfruttano e schiavizzano uomini che si devono accontentare di essere pagati 3 euro all'ora perché sono clandestini. E che vengono mandati sulle impalcature senza nessuna protezione e senza poter rispettare le regole della sicurezza.

Per capire come funzionano le cose basta leggere su Repubblica dell'11 aprile 2007 l'articolo di Paolo Berizzi che si è finto un lavoratore clandestino.

Le mafie - che organizzano la tratta degli esseri umani - ringraziano.
C'è davvero da tremare se si pensa a quel che potrà succedere a Milano con la frenesia edilizia che ha preso il sindaco Moratti e la Giunta per l'Expo 2015.

Jole Garuti