.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 101 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Mercoledì, 11 Giugno, 2008 - 16:08

Piste ciclabili in Corso Lodi

Chi volesse percorrere in bicicletta, mezzo sostenibile ed ecologicamente compatibile, il tratto da Piazzale Lodi per dirigersi verso Piazzale Corvetto, impatterebbe certamente con un tratto dove la pista ciclabile è letteralmente interrotta. Mi riferisco alla parte di strada del corso che intercorre tra Piazzale Lodi e Viale Brenta. In questo percorso di strada il ciclista dovrebbe percorrere il tratto della carreggiata, rischiando non solo di avere un corso tempestato da un alto flusso di autoveicoli privati, ma anche di cadere dalla bicicletta a causa dei continui sussulti dettati dal manto stradale costituito da sampietrini. L'altra opzione consisterebbe nel percorrere questo tratto di strada sul marciapiedi, rischiando di essere soggetti a multe e pene pecuniarie in quanto non consentito dal codice della strada. La situazione per i ciclisti è davvero pericolosa nonchè difficile nell'ambito della mobilità cittadina. Il Consiglio di Zona 4, nella consliatura precedente, aveva approvato all'unanimità una mozione che richiedeva il completamento della pista ciclabile nel tratto in cui essa è sospesa. E' paradossale che per un certo percorso essa sia presente, venendo meno in un altro tratto, obbligando, così, il ciclista a muoversi in modo discontinuo e disagiato.
Nessuna risposta è stata data dall'amministrazione comunale: molti asseriscono, dato di fatto, che la competenza gestionale e la proprietà del tratto in cui la pista ciclabile è ancora potenziale e non in atto, ossia nel tratto da Piazzale Lodi a Via Tagliamento, sia delle Ferrovie dello Stato, e che, pertanto, qualsiasi intervento sia necessario eseguirlo con preventivo permesso dell'ente proprietario.
E' possibile, quindi, prevedere una forma di coordinamento tra amministrazione comunale ed ente ferroviario al fine di garantire uno stanziamento di fondi utile a rendere eseguibile il lavoro di intervento per il completamento della pista ciclabile nel tratto suddetto? Utilizzo questo importante portale, sicurezza stradale di partecipami, per rendere pubblico il disagio e per richiedere all'amministrazione comunale di provvedere a disporre misure e progetti, con relativi finanziamenti, per fare fronte a questo intervento urgente. Provvederò a sollecitare a livello istituzionale l'amministrazione comunale medesima tramite interrogazione in consiglio di zona 4, organo competente territorialmente e in cui sono consigliere in qualità di capogruppo della Lista Uniti con Dario Fo per Milano.
Attendendo risposte, un cordialissimo saluto
Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano