.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 51 ospiti collegati

.: Eventi

« Marzo 2021
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Angelo Valdameri
Martedì, 10 Giugno, 2008 - 08:39

ROM. L’AVEVANO GIA’ PENSATO

ROM. L’AVEVANO GIA’ PENSATO

 

“Prima di tutti, vennero a prendere gli zingari

e fui contento perché rubacchiavano.

Poi vennero a prendere gli ebrei e stetti zitto

perché mi stavano antipatici.

Poi vennero a prendere gli omosessuali

e fui sollevato perché mi erano fastidiosi.

Poi vennero a prendere i comunisti

ed io non dissi niente perché ero comunista.

Un giorno vennero a prendermi

e non c’era rimasto nessuno a protestare”.

 

Così con questi versi Bertold Brecht

descriveva nel 1932 la nascita del nazismo.