.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 78 ospiti collegati

.: Eventi

« Ottobre 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Angelo Valdameri
Mercoledì, 28 Maggio, 2008 - 08:00

Il TAR respinge il ricorso dell'Osservatorio di Milano

IL TAR RESPINGE IL RICORSO DELL’OSSERVATORIO SULL’ECOPASS CON MOTIVAZIONI CHE NON RISPONDONO AI PROBLEMI POSTI DAI RICORRENTI.

“Le motivazioni a sostegno della sentenza del TAR - ha dichiarato Massimo Todisco direttore dell’Osservatorio di Milano - ci danno ampie possibilità di avere successo in sede di ricorso al Consiglio di Stato, dove ricorreremo”.

Questa sentenza è una sconfitta politica della città e dei ceti più deboli che sono abbandonati a se stessi, costretti a pagare una tassa ingiusta inefficace e immorale.

Per ricorrere al Consiglio di Stato – ha concluso Todisco –  c’è bisogno di un sostegno anche economico da parte dei cittadini e delle forze politiche contrarie all’Ecopass, con le quali bisognerà, nei prossimi giorni, trovare dei punti di raccordo e di intesa perché cresca un’opposizione dal basso a questa ingiusta tassa.

Massimo Todisco, Osservatorio di Milano

Tel 0371226520

MILANO CHE VERGOGNA?

A Milano ci sono persone che dicono di ricevere multe per divieto di sosta ove non sono mai stati !
Continua a Milano il pellegrinaggio in Via Friuli nuovo centro per chiarimenti e contestazioni multe .
Numerose persone in fila a perdere tempo prezioso per avere chiarimenti su multe a parere degli interessati inesistenti?
Passando in zona ho sentito diversi cittadini . gente con abbonamenti ecopass che hanno ricevuto una 40 di multe per lo stesso varco
Altri che hanno ricevuto multe in zone residenti o righe blu ove non sono mai stati od a orari notturni? Assurdi
Insomma un gran marasma file file file e gente sempre più inca…….. bip
Per poi coronare il tutto l’ufficio di via Friuli è sprovvisto di posteggi in torno tutta zona gialla residenti ( pertanto a rischio di ulteriori multe …ma che lo fanno a posta ?)
Ci era stato propinato l’ecopass come rimedio all’inquinamento ma viene permesso a tutti di inquinare pagando !!!! mahhhh
Ora viene anche prospettato l’ampliamento della zona ma questi si rendono conto di quello che fanno o pensano solo alle proprie tasche ???
Pensate anche a quelli che lavorano ed hanno assoluta necessità di usare l’auto per il proprio lavoro che non si potranno permettere il lusso di pagare 5 euro ogni varco effettuato e che probabilmente non possono nemmeno cambiare l’auto per adeguarsi alla categoria no ecopass ( Euro 4 etc…)
Avete mai pensato su quanto incidono i costi di un installatore artigiano che deve pagare l’ecopass e poi anche l’eventuale posteggio se lo trova una media che potrebbe anche sfiorare i 2.000 Euro mensili che si rifletteranno sui cittadini utenti di tali servizi con ulteriori aggravi del costo della vita

Stiamo bene attenti che questo come sempre colpisce il ceto meno abbiente ed il più povero e allora ditelo che volete solo una città di facoltosi ricchi e mandateci tutti nelle periferie mettetevi le vostre mura o barriere elettroniche fregandovene sempre del parare dei cittadini
Ora Basta così non si va da nessuna parte

Commento di Riccardo inserito Mer, 27/08/2008 01:22

L'ecopass non è altro che la pratica attuazione del federalismo.
Infatti, in sicilia si chiama "pizzo" a Roma "tangente" a Milano "ecopass".
La signora che a mio avviso non è altro che una politicante e come tutti i politicanti è politicamente furba e allo stesso momento disonesta.
Con l'ecopass sta fregando tutti quelli che arrivano dal circondario di Milano e dalla provincia e sono costrette, per un motivo o un altro, ad utilizzare la macchina.
Infatti i cittadini milanesi non subiscono più di tanto gli effetti dell'ecopass, perchè vivendo in città possono fare anche a meno dell'auto, la bastardata dell'invenzione della sindaca, è subita in massima parte gli esterni.
Ma la cosa più grave è data dal fatto che la bastardata è stata fatta con la  dolosa intenzione di fottere danaro.
Infatti, dal momento che ufficialmente dovesse venire fuori che lo smog è aumentato, e quindi l'esperimento sarebbe dichiarato un fallimento, tutti quei soldi che sono stati incassati verrebbero restituiti? Evidentemente no, verranno comunque trattenuti aggirando l'ostancolo con altra ordinanza.
Che schifo.
Primo Augeri 

Commento di Utente non registrato inserito Sab, 20/09/2008 18:05