.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 867 ospiti collegati

.: Eventi

« Luglio 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Angelo Valdameri
Venerdì, 16 Maggio, 2008 - 07:56

Anche i bambini del quartiere Soderini non vogliono il Cantiere

Comitato Vivaio Soderini

c/o US Sportiva Orione - via Strozzi

tel. / fax 02 4230313 - com.salvavivaio@libero.it - www.cantieredelnuovo-nograzie.org

 

Anche i bambini del quartiere Soderini non vogliono il Cantiere

 

Tanti bambini hanno sfilato il pomeriggio di sabato 10 maggio per le vie del quartiere Soderini, tutt’intorno alla recinzione dell’ex Vivaio della Regione, in una marcia non competitiva che ha percorso le vie Caterina da Forlì, D’Alviano, Soderini e si è conclusa al parchetto di Via Strozzi, da dove era partita.

Le strade si sono riempite della presenza di cittadini e cittadine del quartiere dai 6 agli 80 anni per dire NO al progetto dell’Amministrazione Provinciale che vuole costruire sull’area ex Vivaio un faraonico Centro Congressi con parcheggio interrato , sormontato da due enormi vele d’acciaio.

A più riprese, in questi due anni di confronto con la Provincia ed il Comune, la cittadinanza ha espresso il proprio dissenso nei confronti di una struttura di carattere fieristico-congressuale, che nulla ha a che vedere con la natura socio-sanitaria –educativa  del territorio circostante.

In alternativa  la cittadinanza chiede a gran voce (con la raccolta di firme, manifestazioni, assemblee pubbliche, invio di fax agli Assessorati) che vengano riedificate le scuole  obsolete del quartiere (la scuola materna di Via Caterina da Forlì, la scuola elementare Massaua, la scuola media Cardarelli),  vengano   creati i servizi carenti (centro anziani, centro sportivo, biblioteca), venga valorizzato ed ampliato il verde esistente, in una parola  si vuole che al posto di un inutile quanto costosissimo Centro Congressi  che grava sulla cittadinanza per 50 milioni di euro, venga creato un grande Campus della Scuola, dello Sport e dei  Servizi.

Questo era il senso della scritta sulle pettorine che i/le partecipanti alla marcia hanno indossato sfilando per il quartiere:  NO AL CANTIERE, SI AL CAMPUS.

Alla manifestazione, organizzata dal Comitato Vivaio Soderini,  hanno anche dato il proprio contributo gli studenti del Politecnico che hanno  lavorato ad una mostra che, ripercorrendo  con foto e testimonianze visive   la storia del quartiere,   ha indicato una alternativa di progetto a quanto deciso in sede provinciale.

La mostra  è stata un’occasione  di chiarimento e  discussione con  la cittadinanza,   specialmente cogli anziani ( privi di un centro di aggregazione) i giovani (senza una biblioteca e centri sportivi pubblici) e i genitori delle scuole, interessati direttamente nel progetto di ristrutturazione delle strutture scolastiche.

Allo stato attuale, come precisato anche dall’intervento di Leonardo Castiglioni, del Comitato Vivaio Soderini,  la situazione ha avuto una evoluzione, dovuta all’abbandono del progetto da parte della Camera di Commercio (che edificherà il proprio palazzo - previsto in Via Soderini - nell’area della Bovisa) liberando una porzione di ca. 2500 mq. su cui il Comune di Milano, per affermazione dell’Assessore Massseroli,  intende trasferire la scuola materna di Caterina da Forlì e la scuola elementare di Via Massaua.

Il Comitato – ha ribadito Castiglioni – sostiene la ristrutturazione di tutti gli edifici esistenti, ma si oppone ad un inutile spreco di denaro pubblico, all’ennesima, pesantissima cementificazione, quando le esigenze del quartiere non sono di vetrina, ma di sostanza, cioè di servizi,  di verde e di attrezzature  gravemente carenti o addirittura mancanti.

Anche gli interventi dei due consiglieri comunali presenti, Rizzati e Rizzo, hanno sottolineato l’importanza di continuare nella battaglia per un quartiere vivibile e  hanno espresso il loro appoggio  alle iniziative della cittadinanza, appoggio che  manifesteranno anche nelle sedi istituzionali.

Alla manifestazione sono stati presenti anche alcuni consiglieri di zona, Goldoni, Valdameri e Camerini e il consigliere provinciale Modugno.

La manifestazione è stata accompagnata dall’esibizione del gruppo rock  “Jades”, un brillante gruppo giovanile di quartiere sensibile, come molti altri giovani, alle tematiche e agli obiettivi  sostenuti dal Comitato.

La partecipazione, l’interesse e il coinvolgimento dimostrati da coloro che hanno  partecipato  aiutano il Comitato a proseguire nella propria  azione , un’azione che raccoglie le istanze di chi  si batte  per una migliore qualità della vita urbana e per uno sviluppo sostenibile della città,  in armonia con le esigenze di chi la vive e la abita.

 

Aggiornamento

I prossimi appuntamenti saranno gli incontri con gli Assessori Masseroli del Comune e Casati della Provincia di Milano.

Coloro che sono interessati a proseguire nei contatti con il Comitato e a partecipare alle sue iniziative sono invitati ad intervenire alle riunioni che si tengono ogni martedì sera alle 21 presso la sede dell’U.S. Orione in via Strozzi.