.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 19 ospiti collegati
.: Discussione: Lo schifo dei mercati milanesi-monnezza

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 4
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 13 Ott 2008 - 14:44
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Gentile Sig. Giorgio,

Prendo atto delle difficoltà –sia a destra che a sinistra- di ascoltare le voci dei cittadini e di individuare soluzioni le più condivise possibili: come Le avevo detto la categoria degli ambulanti è molto potente e credo che, nei fatti, l’ultima parola sulla scelta della localizzazione sia lasciata a loro. Se ho ben compreso, infatti, il consiglio di zona 9 ha proposto una lista di possibili localizzazioni, non una sola, anche se 1400 cittadini hanno dichiaravano espressamente di non volere il mercato in queste vie.
Il Suo amico diceva “la maturità si acquisisce quando, stanco di giudicare e parlare degli errori degli altri, finalmente si decide di portare avanti solo le proprie idee.”
Nel mio piccolo, da semplice consigliera di zona, avevo già cercato di esporre le mie idee e le mie proposte nel precedente post: multare coloro che non rispettano le norme, in modo da indurre tutti gli ambulanti trasgressori a comportarsi correttamente per mantenere il decoro urbano anche nella città di Milano.
Anzi, adesso cerco di essere ancora più concreta e propositiva:
- attualmente i reparti zonali della Polizia Locale svolgono un servizio di prevenzione all’interno del mercato (v. furti ecc.) e un servizio di viabilità nel perimetro del mercato;
- la Polizia Annonaria è competente tra l’altro per gli aspetti igienico-sanitari all’interno del mercato, verificando il comportamento e la gestione dell’attività da parte degli ambulanti;
- inoltre, in ausilio all’AMSA, durante le fasi di raccolta dei rifiuti e spazzatura della strada, il Comando centrale della Polizia Locale ha assegnato al reparto radio mobile un servizio specifico di sbarramento per le vie dei mercati principali, che viene svolto al termine del mercato.
Ebbene, faccio due proposte e mezzaWink:
1° proposta:
a mio avviso, il servizio di sbarramento dovrebbe essere riqualificato e migliorato: lo sbarramento, opportunamente fatto con transenne, con la vettura d’ordinanza ecc., dovrebbe iniziare almeno mezz’ora prima della fine del mercato, onde consentire agli agenti di polizia locale di verificare che i singoli ambulanti lascino la propria area di sosta nel rispetto del decoro urbano, ossia in ordine, pulita e con i rifiuti correttamente accatastati in maniera differenziata.
In caso contrario, se l’invito -rivolto al trasgressore- di mettere in ordine la propria piazzola dovesse rimanere inascoltato, gli agenti potranno, anzi dovranno, irrogare la sanzione del caso.
Non ritengo, infatti, necessario che due o più agenti debbano solo “piantonare” lo sbarramento.
Per me è spreco di denaro pubblico, soprattutto se si tiene conto del fatto che per tali agenti il servizio è retribuito come lavoro straordinario.
Quindi, il Comando di Polizia Locale dovrebbe assicurare un servizio più qualificato da parte di questi agenti, anche tramite un’attività di controllo e sanzionatoria.
In tal modo si avrebbe un evidente risparmio di denaro pubblico a vantaggio della collettività:
-          l’AMSA potrebbe raccogliere in maniera differenziata tutti i rifiuti dei mercati: umido, legno, plastica, cartone e la percentuale di raccolta differenziata in Milano aumenterebbe di qualche punto senza alcuna difficoltà;
-          l’AMSA potrebbe inoltre pulire le vie molto più rapidamente, dimezzando i tempi e consentendo ai cittadini residenti di ritornare più rapidamente alla normalità;
-          la Polizia Locale, sanzionando i trasgressori, adempirebbe ai suoi doveri di fronte a situazioni ormai macroscopiche, ridurrebbe il numero di ore straordinarie da svolgere in ausilio all’AMSA e ridurrebbe anche il suo costo a carico della collettività;
-          il Comune di Milano, infine, renderebbe un servizio efficiente e rapido alla collettività, perseguendo una politica di rispetto del decoro urbano ed eliminando sacche inaccettabili di impunità tra gli ambulanti.
2° proposta:
la Polizia Annonaria dovrebbe svolgere il suo servizio di controllo, sotto il profilo igienico-sanitario, in maniera articolata non solo durante le ore del mercato, ma anche in prossimità della fine del mercato.
Rientra, infatti, anche tra i suoi compiti quello di accertare che gli ambulanti effettuino una corretta gestione dei rifiuti organici da essi prodotti e quindi non li abbandonino sul suolo pubblico, creando rischi per la salute pubblica, sotto il profilo igienico-sanitario.
Tale accertamento dovrà essere effettuato non solo durante lo svolgimento del mercato, verificando dove e come i rifiuti organici (l’umido) vengano raccolti, ma anche in prossimità della fine del mercato, giungendo a sanzionare i trasgressori.
In tal modo la Polizia Annonaria fungerebbe da valido ausilio all'AMSA (costretta a spazzare verdura e frutta marcia un po' ovunque) e potenzierebbe il servizio del reparto radio mobile di cui sopra.
Ci sarebbe anche una 3° proposta: gli ausiliari dell’AMSA che fanno?!?
Danno solo la multa ai condomìni o anche agli ambulanti?!?
Dati i pessimi risultati, non mi sembra proprio che gli ambulanti vengano sanzionati! .. o forse la sanzione è irrisoria?!?!Wink


La mia idea l’ho espressa… e, nonostante le parole del Suo amico, ho espresso anche la mia critica, perchè, a mio parere, la nostra città è giunta a questi livelli di inciviltà, di maleducazione e di impunità proprio a causa del fatto che la gran parte dei cittadini ha smesso di indignarsi di fronte alle ingiustizie e alle “furberie” all’italiana, ha smesso di lamentarsi verso coloro che applicano le leggi, discriminando tra cittadini di serie A e cittadini di serie B.
Invece, bisogna anche avere senso critico e non sempre bisogna proporre qualcosa di nuovo: BASTA FAR APPLICARE LE LEGGI!!!

Tuttavia, come Le ho già scritto, la pulizia dei mercati e la raccolta differenziata non sono priorità di questa amministrazione che, neppure di fronte a proposte di buon senso, cambia il proprio modo di operare.
Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
In risposta al messaggio di Giorgio Fiorelli inserito il 13 Ott 2008 - 11:41
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]