.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 34 ospiti collegati
.: Discussione: Parcheggio p.zza bernini

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 7 Apr 2009 - 11:14
accedi per inviare commenti
Da milano.corriere.it:

Simini: i controlli sono rigorosi. Se siamo stati raggirati reagiremo di conseguenza
Box, sequestrato il cantiere Bernini


Il progetto del parcheggio «diverso» da quello approvato dai Vigili del fuoco. «Violata la legge sulla sicurezza»

MILANO - La magistratura ha bloccato i lavori per la costruzione del par­cheggio sotterraneo in piazza Bernini. Era una delle piazze più belle di Milano, protetta da un vincolo ambientale che la Regione ha rinnovato a maggio 2008. Da mesi i giardini sono sventrati. Ieri però il cantiere è stato sequestrato. Secondo il decreto firmato dal gip Silvana Petromer, su ri­chiesta del pm Paola Pirrotta, il permesso di costruire in piazza Bernini sarebbe stato ottenuto taroccando alcuni documenti. È il primo esito dell’inchiesta in cui sono indagati i vertici della Cooperativa Città Studi Nuova e della So.In.So. (committente e coordinatore dei lavori). Le ac­cuse: falso ideologico, «lottizza­zione abusiva di terreni a sco­po edilizio» ed «esecuzione di opere senza l’au­torizzazione del­l’ente preposto alla tutela pae­saggistica».

La So.In.So, coop rosse, è uno dei giganti nella spartizione del me­gabusiness dei box interrati di Milano. È stata tra i protagoni­sti del boom edilizio sbloccato dal sindaco-commissario stra­ordinario Albertini per risolve­re i problemi dello smog. In piazza Bernini sarebbe suc­cesso questo: la cooperativa presenta un progetto ai vigili del fuoco, proponendo di co­struire in deroga, con l’«aerea­zione forzata», sistema di sicu­rezza vietato da oltre vent’anni. I pompieri lo bocciano il 20 ot­tobre 2005. Mesi dopo: nuovo progetto, a norma (con «aerea­zione naturale»), e autorizzazio­ne concessa. Nella delibera co­munale che autorizza la conces­sione della piazza (luglio 2007) rispunta però il meccanismo di sicurezza già bocciato dai vigili del fuoco. Secondo le indagini, il per­messo di costruire sarebbe ille­gittimo proprio per violazione della legge antincendi e perché il progetto sarebbe diverso da quello autorizzato dai vigili del fuoco.

Ma perché questo balletto di carte? Solo supposizioni. Ma co­struendo con l’aereazione natu­rale (prescritta dalla legge), ci sarebbero talmente tante gri­glie in superficie da stravolgere l’aspetto della piazza. E così il vincolo ambientale verrebbe violato, rendendo assai compli­cata la realizzazione del par­cheggio. La So.In.So. sarebbe inoltre recidiva, visto che le in­dagini sono aperte anche sul parcheggio che sta costruendo in largo Rio de Janeiro. Se le accuse saranno dimo­­strate, Comune e pompieri so­no le vittime. «Se siamo stati raggirati — spiega l’assessore ai Lavori pubblici, Bruno Simi­ni — reagiremo di conseguen­za. I controlli sono rigorosi e con le nuove convenzioni abbia­mo stretto ancor più le ma­glie ». L’avvocato Consuelo Bosi­sio, che assiste i costruttori, ha preannunciato il ricorso per il dissequestro: «Abbiamo deposi­tato memorie e consulenze per dimostrare che i progetti pre­sentati erano conformi alla nor­mativa vigente e che la loro ap­provazione è stata legittima. Quel che ci viene contestato si basa solo su una diversa inter­pretazione di metodologie di calcolo».

Gianni Santucci
07 aprile 2009
In risposta al messaggio di Marina De Nicolo inserito il 5 Maggio 2008 - 19:19
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]