.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 72 ospiti collegati
.: Discussione: Il quartiere che vorrei? (PortaGenova/Navigli/Tortona)

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Ferruccio Patti

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Ferruccio Patti il 26 Apr 2008 - 12:35
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Questa domanda merita una discussione aperta, coerente e libera per giungere finalmente ad una discussione sulla destinazione di quest'area, che negli anni ha sempre suscitato grandi scontri e polemiche di tutti i tipi. E' indubbio che fin dal passato più remoto il nostro quartiere è sempre stato forza trainante per lo sviluppo, sia socio-culturale, che economico-modernizzatore di Milano.
Questo quartiere merita rispetto e una discussione sul suo futuro più elevata, sembra che tutto si debba risolvere in "movida si o movida no", la sua trasformazione a avvenuta in modo irrazionale e senza una degna pianificazione nei modi che possiamo inserire nel contesto delle cattive amministrazioni che si sono succedute via via negli anni e in uno scontro ideologico di passata memoria. Il fronte del no, da un lato ha preservato il quartiere dalla cemetificazione totale, ma non ne ha capito i combiamenti socio-economici e culturali dei suoi residenti, è come un giardino trascurato dal suo giardiniere, tutto cresce fuori dal suo controllo e senza una logica.
Questo quartiere è un ibrido senza senso, i muri di una stazione quasi in disuso dividono il quartiere in due parti una che esplode in creatività e in professionalità, che però va gestita in modo saggio (Tortona-Savona), una che implode in se stessa per un ibrido commerciale tradizionale (Porta Genova-Vigevano-Colombo), ed una terza, con un ludico-culturale fuori dal senso logico delle cose, campo di battaglia da sempre di egoismi personali (Darsena e i suoi Navigli).
Noi......... dovremo trovare, per forza, la sintesi di tutto ciò in un progetto complessivo che implica l'impegno di tutti i soggetti in campo, sia istituzionali che società civile nelle sue varie componenti e l'Expo 2015 è l'occasione per far finire il "chiacchiericcio" e per cercare di consegnare un quartiere all'altezza dell'evento che la città di Milano si è giustamente aggiudicata e per far si che, trenta milioni di visitatori possano vedere la bellezza dei nostri monumenti ( Darsena, Navigli ecc..........), non nel degrado in cui versano attualmente.
La parola a chi vuole il bene del quartiere......................................................