.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 36 ospiti collegati
.: Discussione: Prostituzione in piazzale Lagosta

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Marco Bigliardi

:Info Messaggio:
Punteggio: 18
Num.Votanti: 4
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Marco Bigliardi il 17 Apr 2008 - 09:08
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Buongiorno, il problema della prostituzione in Piazzale Lagosta sta assumendo proporzioni che lo rendono ormai intollerabile. Personalmente nelle sere in cui mi affaccio alla finestra, ne ricavo solo sconforto e amarezza. Residenti con prole che passeggiano alle 22:30 di sera incrociando uomini seminudi pronti ad appartarsi.
Non mi pare possibile che tutto questo sia accettato nell'indifferenza di tutti e soprattutto delle istituzioni che dovrebbero cercare di garantire una migliore qualità della vita per la nostra zona. La sicurezza credo sia un tema fondamentale e la mia istanza non ha uno spunto razzista o moralistico.
Mi conforterebbe trovare altri cittadini non indifferenti al problema, che sta assumendo connotazioni preoccupanti, in quanto sempre più sfrontato e rumoroso.
Non posso non menzionare anche il fatto che il degrado progressivo di un'area arreca anche un danno patrimoniale al valore degli immobili, tema non trascurabile in una città "cara" come Milano. 
Mi trovo spesso a sollecitare le forze dell'ordine che intervengono sporadicamente, probabilmente limitati dalla legislazione vigente, ma io credo che sia necessario un presidio fisso della zona a certe ore della notte per non dire del mattino o quanto meno l'installazione di un sistema di videosorveglianza volto a multare la clientela. Certo l'esperienza di altre zone non conforta, ma una reazione è necessaria o davvero vogliamo che la criminalità prenda possesso delle nostre vie?
Spero che  qualcuno risponda a noi, come famiglia, per alleviare il nostro senso di impotenza e, forse, per lanciare una iniziativa comune per tutelare noi tutti.
Grazie