.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 132 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Giovedì, 20 Marzo, 2008 - 16:56

Agevolazioni fiscali per l’abbonamento ATM: chi lo sa?

Agevolazioni fiscali per l’abbonamento ai mezzi pubblici: chi lo sa?

 
L’incentivo all’utilizzo dei mezzi pubblici deriva anche e soprattutto da misure fiscali agevolanti e che rendono quest’ultimo competitivo rispetto a quello del mezzo privato, automobilistico.
La finanziaria 2008 prevede fino al 31 dicembre la possibilità di detrarre dall’IRPEF, all’atto della dichiarazione dei redditi, il 19% dall’imposta lorda sull’acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico locale, sempre in un ambito di importo non superiore a 250 euro. I conti sono presto fatti e il diritto al rimborso, che la legge economica dello stato riconosce, è notevole sia numericamente, sia anche come questione di principio e di titolarità giuridica.
Siamo in procinto della stagione della dichiarazione dei redditi: gran parte dei residenti milanesi sono alle prese con i vari moduli. Un diritto, però, viene reso attuativo solamente se se ne è a conoscenza, ovviamente: in caso contrario rimane un buon enunciato di grande prestigio ma “à la carte”. L’organo deputato a informare la propria cittadinanza di questa opportunità fiscale non è altro che il Comune, il quale avrebbe il compito di rendere conoscenti tutti dell’esistenza di questa possibilità, incentivando, così, senza nessun tipo di disposizione consiliare, delibera o determina, e senza nessun onere, assestamenti di bilanci vari, l’utilizzo dei mezzi pubblici e l’abbandono della tanto amata automobile. Tutto questo influirebbe, chiaramente, non solo su una modifica dei comportamenti delle persone, ma anche su una mobilità sostenibile, quindi eco compatibile, quindi più economica, meno dispendiosa di risorse e di energia, fluida e decongestionata a livello cittadino. Ma fino a oggi ancora nessuno è venuto a conoscenza da parte del Comune di questa possibilità, nonostante diversi consiglieri de L’Unione abbiano più volte invitato l’amministrazione a provvedere, così come avvenuto per il tanto decantato ecopass, a strutturare una pubblicizzazione diffusa della disposizione e dell’opportunità consentita dalla legge finanziaria 2008. Che cosa si attende? Si aspetta il 31 dicembre per garantire un’utile e giusta informazione su questa possibilità per la cittadinanza?
 
Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano