.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 40 ospiti collegati
.: Discussione: Contiamoci

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Ottavia Pozzati

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Ottavia Pozzati il 14 Mar 2008 - 09:43
Discussione precedente · Discussione successiva

Ciao a tutti, io sono nuova da queste parti. Conosco bene la mia città, ho figli e dopo averla vissuta come studentessa e come lavoratrice ora la vivo anche come madre. E' una bella città, Milano, ma si sta lasciando andare perchè - io lo penso da tempo ormai - non siamo più governati da enti e istituzioni pubbliche ma da personaggi molto ricchi e potenti che da anni ormai si comportano come dei padroni. Milano è una città che se non si riprende ora,  è destinata a diventare terra di nessuno. Pertanto non stupitevi se i vostri reclami cadono nel vuoto, è normale che non vi vedano nemmeno, loro hanno altre cose a cui pensare, ci sono grandi interessi in gioco, enormi capitali da investire, e delle vostre lamentele non gliene frega niente.

Io penso che l'unico modo per reagire sia quello di cambiare anzitutto stile di vita: usare meno energia in casa e meno carburante per gli spostamenti, tanto per cominciare. Perchè i nostri padroni sono dei petrolieri.

Comprare meno, fare acquisti che abbiano un senso, che non ingrassino personaggi avidi e calcolatori. Si tratta di darsi proprio una regolata, di rispolverare anche i veri valori cristiani. Perchè a investire nella nostra società sono soprattutto industriali che non stanno producendo tutta questa grande ricchezza...siamo a crescita zero! E Milano, per quanto sia la locomotiva dell'Italia, ma se siamo a crescita zero sapete cosa significa? che tutto questo casino è solo per far transitare merci e servizi, e di fatto porta solo tanto, tanto smog.
Conclusioni? io sono reazionaria, rivoluzionaria. Io dico che dobbiamo imporci ed essere tanti, ma davvero tanti, tanti che anche la Polizia deve allargare le braccia. E poi basta con la violenza, con le botte, con i "tafferugli", come li chiamano i mass-media, quali tafferugli? la gente è veramente inc.....! però ci provano sempre a sminuirci, a farci sentire delle nullità, è proprio una loro strategia. Così ci rinunciamo.
Io dico: niente girotondi, niente violenza, niente di niente: solo due milioni di cittadini silenziosi, fermi immobili come delle belle statuine, che rinunciano al dialogo perchè serve per darci l'illusione di essere ascoltati, che rinuncia alla violenza perchè genera violenza e ci farebbe passare dalla ragione al torto, che rinuncia agli striscioni, alle marce, a tutte quelle manifestazioni di vitalità che muovono il pensiero. Due milioni di statuine ferme, in piedi o sedute, immobili, con lo sguardo fisso verso Palazzo Marino. Che non disturbano l'ordine pubblico ma sono lì, ferme. Dentro Palazzo Marino decidono di stravolgere la nostra città, e noi fuori.
Non vi piace così? beh, allora vi dico che le abbiamo provate tutte: abbiamo fatto tutte le raccolte firme che si potevano fare, abbiamo fatto tante cose per farci sentire e vedere, ma non è servito. Rassegnamoci ad essere calpestati come tanti vermi. Loro sono troppo alti e grandi per vederci.

Proviamo a cambiare noi, o saremo come le belle statuine che ho detto sopra. Cominciate da adesso. E spegnete la televisione, e anche la radio, che ormai non è più la "cenerentola" dei mass media, si sono fatti furbi!

E smettetela di comprare cinese, che se qui non si respira là è anche peggio. Ogni cosa che fate, pensateci due, tre, cinque, dieci volte.

Alla fine la vostra vita sarà cristianamente semplice, non povera, SEMPLICE. E fra dieci anni Milano tornerà ad essere una bella città. Con l'aria pulita e gente per bene.