.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 806 ospiti collegati
.: Discussione: Pd: "Chiesa Cattolica fondamentalista" su Legge 194

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 21 Mar 2008 - 17:46
accedi per inviare commenti
In merito alle considerazioni svolte dalla consigliera Rossin circa l'obiezione di coscienza negli ospedali pubblici aggiungo un'altra riflessione.

L'obiezione di coscienza storicamente è nata nell'ambito del servizio militare, quando esso era obbligatorio.
Invece, lavorare per il Servizio Sanitario NON è un obbligo ma una scelta.
Moltissimi, infatti, sono i medici che lavorano solo negli studi medici privati e nelle cliniche private non convenzionate.
Quindi che senso ha l'obiezione di coscienza nell'ambito del Servizio Pubblico, che deve offrire TUTTI i servizi previsti dalle leggi dello Stato?
Se un medico non può svolgere tali servizi per ragioni di coscienza, NON è tenuto a lavorare per il Servizio pubblico.
Posso ammettere l'obiezione di coscienza per i "vecchi" dipendenti pubblici, ma NON per i giovani medici che hanno accettato di svolgere la loro professione per il Servizio Sanitario Nazionale DOPO l'entrata in vigore della legge 194.
La conseguenza è nota a tutti: in molte Regioni italiane, in molti consultori e ospedali pubblici non vengono forniti TUTTI i servizi previsti dalla legge 194.

Cordiali saluti a tutte/i Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo
per La Sinistra L'Arcobaleno
In risposta al messaggio di Sara Rossin inserito il 10 Mar 2008 - 18:32
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]