.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 107 ospiti collegati

.: Eventi

« Settembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Venerdì, 22 Febbraio, 2008 - 01:05

Interrogazione su misure e provvedimenti per sicurezza stradale

 
 
c.a dell’Assessorato alla mobilità e ai trasporti del Comune di Milano;
del Settore mobilità e ai trasporti del Comune di Milano;
della Commissione Trasporto e Mobilità del Consiglio di Zona 4 di Milano;
del Consiglio di Zona 4 e delle sue componenti
 
 
 
Oggetto: richiesta per maggiori informazioni riguardanti l’adozione di misure e provvedimenti con carattere di urgenza a tutela e salvaguardia della viabilità dei mezzi pubblici lungo le corsie preferenziali e funzionali a prevenire incidenti ulteriori per i conducenti e i passeggeri delle linee del trasporto pubblico interessate
 
La tragedia avutasi giovedì in Corso di Porta Vittoria ha visto un autobus della linea 60 collidere frontalmente con un tram della linea 12 con conseguenze drammatiche, contando 26 vittime, tra cui i conducenti in prognosi riservata, e una signora deceduta sul colpo, seduta dietro al guidatore dell’autobus. Il grave fatto non è stato casuale, ma conseguenza diretta di una grave violazione del Codice della Strada da parte di un automobilista di un SUV che ha invaso la corsia preferenziale, andando a urtare contro il mezzo pubblico che, a sua volta, sterzando, ha speronato il tram in arrivo dalla parte opposta.
Confidiamo, come da più parti auspicato, nella giustizia e nella magistratura affinché si faccia luce sulla dinamica del tragico evento e penalizzi il colpevole di tale drammatico avvenimento.
L’incidente, però, non è liquidabile come semplicemente causato dalla violazione del codice, ma deve indurre l’amministrazione comunale a prendere seriamente urgenti misure che facciano da reale deterrente al ripetersi di altri fatti luttuosi, come invitano le categorie sindacali dei trasporti, uniti nel valutare come critica la situazione in cui i lavoratori dell’ATM sono costretti a operare quotidianamente. In Consiglio Comunale si richiede, da parte di esponenti de L’Unione, ma non solo, una maggiore presenza di vigilanza urbana per le strade, reputando come insufficienti le telecamere poste per sorvegliare la giusta conduzione del traffico e il rispetto delle regole. Ci vogliono più persone stabili che possano garantire un’utile prevenzione di sinistri che possano sfociare in tragedie dalle irreversibili conseguenze, come quella di giovedì scorso. E’, questa, un’emergenza stradale che palesa ogni giorno un aumento di incidentalità, le cui vittime, spesso, sono pedoni passanti, ciclisti e passeggeri di automezzi pubblici, a causa di gravi e prevenibili infrazioni da parte di automobilisti. La presenza di SUV in pieno traffico cittadino determina un aumento esponenziale delle probabilità di arrecare danno e pregiudizio al trasporto pubblico e alla mobilità stradale in genere. Sarebbe opportuno, come suggerisce il consigliere Maurizio Baruffi, capogruppo dei VERDI in Consiglio Comunale, importare la misura adottata a Londra, facendo pagare il massimo pedaggio stradale ai SUV che entrano in città, la “congestion charge”.
 
si chiede
 
- all’assessorato Mobilità e Trasporti del Comune di Milano, quali misure si vogliano adottare con carattere di urgenza, alla luce di un ennesimo incidente che poteva essere evitato, se sono previsti provvedimenti utili e adeguati per salvaguardare e tutelare la viabilità lungo le corsie preferenziali, altamente presenti nel nostro territorio circoscrizionale, se tra le misure adottabili è stato preso in considerazione l’aumento del pedaggio stradale per i SUV e per i veicoli di grossa cilindrata, incompatibili con la viabilità cittadina ad alto tasso di passaggio pedonale e ciclistico;
 
si chiede, infine
 
se è previsto un maggiore dispiegamento di polizia locale lungo quei tratti critici, dove maggiore è la probabilità del verificarsi di incidenti e di sinistri a danno dei passeggeri e dei conducenti delle linee di trasporto pubblico.
 
Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano