.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 60 ospiti collegati
.: Discussione: I suv sono un problema.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Gianluca Cuomo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Gianluca Cuomo il 21 Feb 2008 - 09:43
accedi per inviare commenti
Gentile Signora Germana, lungi da me il voler ritenere che Lei non sia in grado di comprendere le spiegazioni tecniche.
In effetti Lei aveva detto in un post precedente di trovarsi sommersa da tanti dati tecnici, degni di Quattroruote.

Ed in effetti, alla luce di quanto espone qui, mi pare che la confusione ancora regni sovrana.

Lei usa sempre l'aggettivo "potente" vicino al sostantivo "SUV", come se il binomio fosse indivisibile.

Le ricordo che potente non è sinonimo di grande, dimensionalmente parlando..

Riguardo il discorso dell'odio e dell'invidia, mi pare lapalissiano che, ove non fosse il caso Suo, essi siano forza motrice che spinge i detrattori di questi veicoli, che pagano la tassa di possesso e l'assicurazione (oltre a contribuire con l'acquisto di carburante al pagamento di balzelli discutibili).

All'uopo, Le allego un link dove senza addurre nessuna giustificazione tecnica si dà addosso a questa tipologia di veicoli.

http://www.suvno.com/

Le parole che leggerà qui sono, in ordine:
- soldi
- lusso
- donne siliconate
- tenore di vita
- rate
- finti ricchi
- etc etc.

Sono chiaramente le parole di chi ha delle lacune di fondo sul tema della cultura e del rispetto della autonomia decisionale del prossimo, sempre che questa non leda i diritti altrui.

E' un pò come se io dicessi (è un puro esempio, senza riferimenti politici di sorta) di odiare i comunisti perchè mangiano i bambini..

Lei ci potrebbe mai credere?


In ultimo rispondo anche alla Signora Annalisa, la quale ha sollevato il problema dei bull bar ricevendo da me una risposta ieri.
Eppure dopo un pò ha chiesto di chi fosse la colpa della presenza dei bull bar su alcuni fuoristrada che ancora vede in giro.

Ripeto, come già scritto ieri, che i veicoli sono soggetti alle norme del codice della strada: tra questi vi è la revisione obbligatoria BIENNALE (che scende ad un anno nel caso di mezzi immatricolati autocarro).
In sede di revisione, oltre a controllare le emissioni e la efficienza di tutti i dispositivi di sicurezza, gli incaricati devono verificare che tutti gli eventuali accessori siano omologati ed a norma di legge.

..e allora.. se al guidatore non viene ritirata la carta di circolazione in quel caso, di chi è la colpa?
Del controllato o del controllore?

Inoltre, all'atto del controllo del mezzo da parte delle forze dell'ordine (classico blocco in ambito urbano con verifica dei documenti), siamo proprio sicuri che quei vigili, tanto solerti ad accogliere le eventuali richieste assurde del consigliere dei verdi (mi perdoni ma al momento non ricordo il nome), siano anche tanto preparati da sapere che la carta di circolazione DEVE ESSERE RITIRATA in casi del genere?

Infine mi domando cosa pensa di tutta questa discussione il consigliere succitato, visto che pare aver lanciato la pietra per poi nascondere la mano, atteso che non ha replicato con argomentazioni valide alle considerazioni tecniche e non ideologiche da noi addotte sin qui.

Cordialità.



PS: Signora Germana, non troverà purtroppo dati dei crash test relativi alla Sua vettura, in quanto è di progettazione oramai passata.
Comunque le dimensioni relative del parabrezza e della superficie frontale, in relazione alla poca lunghezza del cofano motore farebbero sì che, nel malaugurato caso di investimento, il pedone non possa dissipare l'energia cinetica sul cofano stesso, troppo corto, terminando la sua corsa direttamente contro il parabrezza e, magari, contro il montante, con conseguenze da accertare in funzione della velocità.

Le consiglierei, sotto questo punto di vista una Suzuki Grand Vitara: 3 stelle per i pedoni, 3 per i bambini e 4 per gli adulti...

..che ha lo stesso motore diesel (non potente) di una renault Megane (1896 cc) e filtro antiparticolato di serie, che Le permette di entrare in zone a traffico limitato anche quando la Sua Agila non può farlo (salvo che la stessa appartenga all'ultimissima generazione).

Senza contare la oggettiva maggiore sicurezza della trazione sempre sulle 4 ruote, anteriori e posteriori, non solo in caso di neve e ghiaccio, ma anche su strada appena umida.



In risposta al messaggio di Germana Pisa inserito il 20 Feb 2008 - 16:47
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]