.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 42 ospiti collegati
.: Discussione: Presidente CdZ 1 Goren Monti: "Biciclette invece che auto blu"

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Andrea Giorcelli

:Info Messaggio:
Punteggio: 4
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Andrea Giorcelli il 2 Gen 2008 - 17:33
accedi per inviare commenti
Va bene promuovere sempre piú l'uso della bicicletta anche a Milano, ma arrivare a dire che Milano ha un clima mite e con poche piogge mi sembra eccessivo.
Milano ha un clima temperato subcontinentale con una forte escursione termica tra estate e inverno e molte piogge concentrate soprattutto nei periodi primaverili e autunnali: è sempre stata una città piovosa. Se le piogge sono diminuite molto negli ultimi anni non è certo un fatto di cui essere allegri, e non solo perché ciò sembra essere un segno del cambiamento climatico globale, ma anche perché la siccità provoca gravi danni alle colture e quindi anche al verde urbano. Nessuno sembra curarsene, anzi, abbiamo la memoria corta e siamo contenti del "bel tempo" in estate e della mancanza delle fastidiose e inutili piogge...
 
Inoltre credo che una segnaletica orizzontale per separare, nelle aree ciclo-pedonali promiscue, come per esempio corso Vittorio Emanuele e via Dante, i ciclisti dai pedoni non sarebbe assolutamente rispettata, perché dividerebbe in due parti non comunicanti la zona pedonale; allora bisognerebbe aggiungere strisce pedonali per attraversare la pista, ma sappiamo che non vengono rispettate dai pedoni per attraversare le carreggiate, immaginatevi se in corso Vittorio Emanuele per passare da una parte all'altra i pedoni lo facessero solo sulle strisce in determinati punti! in pratica penso che nulla cambierebbe, avremmo solo due strisce dipinte per terra.
Nelle zone pedonali, quando abbiano sufficiente larghezza, si può prevedere la promiscuità con le biciclette, regolata in modo analogo anche all'estero, nelle citate città europee; sappiamo che in tali casi però le biciclette devono procedere con prudenza e a velocità moderata, evitando di mettere in pericolo i pedoni, non complichiamoci ulteriormente la vita.
 
 
Andrea Giorcelli
Consigliere della zona 7 (gruppo Verdi)
In risposta al messaggio di Eugenio Galli inserito il 24 Dic 2007 - 15:46
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]