.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 21 ospiti collegati
.: Discussione: Il Comune "promuove" l'alcolismo !!!

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 22 Giu 2010 - 21:11
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Dall'Ufficio Stampa del Comune di Milano:

SALUTE. LANDI: “CALA IL CONSUMO DI DROGA ED ESPLODE QUELLO DELL’ALCOL. IL PARLAMENTO VIETI  ALCOL E SIGARETTE PRIMA DEI DICIOTT’ANNI”

Milano, 22 giugno 2010 - “Milano ha vietato la vendita degli alcolici prima dei 16 anni, adesso il Parlamento estenda a livello nazionale il divieto sino ai diciotto anni”. Questa la proposta dell’assessore alla Salute del Comune di Milano Giampaolo Landi di Chiavenna in risposta ai dati preoccupanti emersi dalla Relazione annuale sulle tossicodipendenze presentata oggi a Palazzo Chigi. Secondo l'indagine, a causa della crisi economica, precipita il consumo di stupefacenti e cresce quello dell’alcol al punto che l’assunzione quotidiana in tre anni è aumentata del 18,2 % e si è incrementato ben del 200%  il numero di coloro che nella vita si sono ubriacati oltre le 40 volte. “Il Parlamento legiferi con urgenza -precisa l’assessore - l’estensione del divieto di vendita, somministrazione e cessione gratuita dai 16 ai 18 anni sia per gli alcolici che per le sigarette.  Davanti ai numeri allarmanti presentati oggi non si può abbassare la guardia e non si deve sottovalutare l’importanza di prestare attenzione ai temi della salute e ai cambiamenti di stili di vita della società. Soprattutto quando sono pericolosi come 'lo sballo' ricercato nell’alcol. Questi dati dimostrano quanto siano indispensabili le campagne di prevenzione che indirizzano verso comportamenti responsabili e stili di vita sani. Sia per la popolazione adulta, sia per quella giovane che punta allo sballo con gli alcolici meno costosi. E da un anno a questa parte, a Milano, meno facilmente reperibili dai minorenni grazie all’ordinanza promossa dal mio Assessorato che ne vieta la vendita  prima dei sedici anni”.
In risposta al messaggio di Francesco Ginocchio inserito il 16 Dic 2007 - 00:39
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]