.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 57 ospiti collegati

.: Eventi

« Agosto 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

.: Candidati

.: Link

Pagina Personale

.: Ultimi 5 commenti

.: Il Blog di Alessandro Rizzo
Mercoledì, 5 Dicembre, 2007 - 12:09

interrogazione su inceneritore edificando di Nosedo

 
 
c.a. del Settore Territorio del Comune di Milano;
dell’Assessorato all’ambiente del Comune di Milano;
della Commissione Territorio del consiglio di zona 4
 
 
 
  • Oggetto: progetto di edificazione di inceneritori nella zona sud di Milano, Parco Agricolo, di cui uno localizzato in Nosedo.
 
In riferimento al
 
documento della Federazione italiana medici di medicina generale, risalente al maggio 2006, apprendiamo quanto segue :“Gli inceneritori di ultima generazione
immettono nell’ambiente polveri finissime che costituiscono un rischio sanitario:
emissioni cancerogene identificate nel tempo e centinaia di sostanze di cui
è sconosciuto l’impatto sulla salute. La combustione trasforma anche i rifiuti
innocui, come imballaggi e scarti di cibo, in composti tossici e pericolosi”
 
nello stesso documento si evince
 
“A fronte di emissioni cancerogene identificate da tempo, gli inceneritori emettono centinaia di sostanze di cui è sconosciuto l’impatto sulla salute umana. La combustione trasforma anche i rifiuti innocui, come imballaggi e scarti di cibo, in composti tossici e pericolosi”. E’ chiara, pertanto, la mancanza di conoscenza sulle conseguenze derivanti da questi sistemi, per i quali, a proposito, l’Unione Europea ha previsto un dimezzamento dei finanziamenti statali pubblici per la loro realizzazione, anche per le riscontrate emissioni di polveri sottili non rilevabili dagli attuali sistemi di monitoraggio ambientale
 
Preso atto
 
della volontà dell’amministrazione comunale di Milano di progettare la costruzione di due inceneritori nella zona sud di Milano, di cui uno dovrebbe essere locato in Nosedo, territorio di pertinenza della nostra zona
 
 
 
Considerato di fatto
 
la mobilitazione di cittadine e di cittadini da tempo attiva sul tema della pericolosità derivante dalla realizzazione di questo progetto, come si denuncia nella petizione a cui è seguita una discreta adesione dei residenti
 
si chiede
 
al Settore Territorio del Comune di Milano e all’assessorato al Territorio del Comune di Milano a che stadio è il progetto di realizzazione, la sua portata e la sua entità;
alla commissione territorio del Consiglio di Zona di indire nell’immediato periodo una commissione avente come ordine del giorno l’analisi della proposta soprattutto nell’ottica di una presa visione delle conseguenze per l’ecosistema e la salute derivanti dalla costruzione dell’inceneritore in zona Nosedo, esprimendo a riguardo una posizione chiara, motivata e critica, soprattutto se si considerano le denunce scientificamente fondate espresse dalla Federazione Italiana Medici di Medicina Generale.
 
 
 
 
Alessandro Rizzo
Capogruppo Lista Uniti con Dario Fo per Milano
Consiglio di Zona 4 Milano