.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 77 ospiti collegati
.: Discussione: Polizia Municipale al servizio di chi?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Paola Bozzolo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Paola Bozzolo il 3 Dic 2007 - 15:27
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Succede anche questo:

Oggi mentre passavo per piazza Leonardo da Vinci ho notato come al solito decine di macchine sul marciapiede. Tre vigili sostavano  nei pressi (in attesa di intervento per una buca sulla strada).
Mi sono avvicinata per fare notare le macchine sul marciapiede e per chiedere se era possibile un intervento da parte loro, dare una multa insomma,  per fare da deterrente e per evitare o cercare di arginare le centinaia di studenti che ogni giorno IMPUNITI, cioè senza mai una multa o sanzione parcheggiano sui marciapiedi e sulle aiuole, che ovviamente sono di tutti e non dei parcheggi per i più furbi. Una vigilessa matricola 2852 (comunicato a voce, non mi ha dato modo di vedere la matricola) fumando (in servizio) con tono arrogante mi ha chiesto: “cosa le da fastidio? Quella macchina parcheggiata sul marciapiede?”
 Ovviamente non è un fastidio personale è una questione di regole che valgono per tutti e che devono essere rispettate.
Vigilessa : “io non  multo  quello lì perché tanto quello con il SUV targato ticino  c’ha i soldi e non gliene frega niente della multa e poi se dessi le multe a tutte quelle parcheggiate qui sul marciapiede non farei 500 metri. Non lo ha capito che il mondo è dei più ricchi?”
Ma il  lavoro  della Polizia Municipale scusi qual è?
Infine quando ho osservato che   allora mi sembrava inutile comprarsi dei box   per rispettare lo spazio pubblico, con ironia si è rivolta  ad un collega, sempre fumando, dicendo: “hai capito la signora? A lei da fastidio la macchina sul marciapiede perché lei tanto i soldi ce li ha….”
Sono allibita. È questo il servizio al cittadino? È questo il modo di far rispettare le leggi? Il vecchio assioma che la legge è uguale per tutti, va corretto con: “dipende da chi hai davanti?” Come si permette un funzionario comunale in servizio di apostrofare un cittadino quando questo chiede semplicemente  il rispetto delle norme?
Ma lo Polizia Municipale è al servizio di chi? dei più ricchi come dice la matricola 2852?