.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 39 ospiti collegati
.: Discussione: Nuove rotte aeree e rumore a Lambrate e dintorni

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonello Gatto

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonello Gatto il 5 Ott 2008 - 10:14
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Gentile Marcello,

condivido TOTALMENTE la seconda parte del suo post, quanto alla prima, però, mi sento di fare qualche riflessione.
L'aeroporto di Linate è stato costruito negli anni '30, quindi chi ha acquistato casa nei comuni limitrofi dopo tale data è sicuramente conscio del fastidio che un aeroporto può provocare. Ovviamente ricomprendiamo tra queste persone tutti noi, visto che dalla costruzione dello scalo sono passati quasi ottant'anni. Discorso a parte merita Milano. Milano dal dopoguerra ad oggi ha sempre goduto, come le altre grandi metropoli, del DIVIETO di sorvolo. Questo divieto è principalmente, e ovviamente, dovuto a questioni di sicurezza. E' quindi ovvio che se una persona ha acquistato casa in una zona nenche troppo periferica di Milano non si aspetterebbe mai di vedere degli aeroplani a volo radente sulla propria abitazione con tutto il rumore, amplificato dagli edifici che creano una sorta di cassa armonica, e le vibrazioni sui vetri che questi mezzi possono provocare a partire dalle 6 del mattino. Se poi consideriamo il fatto che per abitare in una zona col Divieto di sorvolo si è pagato di piu allora la frittata è fatta. Situazione diversa invece per i comuni limitrofi all'aeroporto e in particolare il comune di Segrate dove tutt'ora si sta costruendo a spron battuto proprio sotto la radiale "naturale" degli aerei, cioè la 0 zero. Ora, chi ha acquistato casa a Milano 2 o acquisterà casa in questo comune NON può non sapere a cosa va incontro!
Chi invece ha acquistato casa a Milano negli anni scorsi e si è messo sul gobbo un mutuo, magari trentennale, si ritrova di punto in bianco una situazione impossibile, provare per credere.

Cordiali saluti

P.s. mi sono informato sul valore degli immobili dei comuni da lei citati e , in generale, sono inferiori del 25-30% rispetto alla zona MI-EST. Il che tradotto in soldini , per un appartamento medio di circa 300.000 euro, fà circa 90.000 euro. Che per me sono tantissimi soldi.
In risposta al messaggio di Marcello Guidi inserito il 2 Ott 2008 - 16:39
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]