.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 63 ospiti collegati
.: Discussione: Nuove rotte aeree e rumore a Lambrate e dintorni

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Antonella Fachin

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Antonella Fachin il 1 Set 2008 - 12:06
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti
Caro Aldo,

le ingiustizie, in questo caso, sono state create dal Comune di Segrate che ha concesso l'edificazione a ridosso dell'aeroporto e lungo le rotte di decollo per poter intascare gli oneri di urbanizzazione.
Peraltro in comune di Segrate si continua a costruire su aree in precedenza agricole (v. vicino alla Cassanese con Santa Monica ecc.)
Ora i cittadini di Segrate, che hanno acquistato casa a prezzi più contenuti per la maggiore rumorosità del loro territorio e per i minori collegamenti viabilistici a Milano, rivendicano il loro diritto a non subire il rumore degli aerei e a condividere il rumore con i cittadini dei comuni confinanti.
E' giustizia questa?
I cittadini di Segrate sono disposti a rimborsare ai cittadini dei comuni limitrofi i maggiori costi sostenuti per acquistare casa?
Nessuno vuole monetizzare la salute, ma non mi sento di dire "mal comune, mezzo gaudio".

Anzi, i cittadini di Milano, non solo quelli di zona 3, attendono da oltre 16 anni che il Comune di Milano - in attuazione del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1° marzo 1991- suddivida il proprio territorio in classi acustiche in funzione della destinazione d'uso delle varie aree (residenziali, semi-industriali, ecc.) stabilendo poi, per ciascuna classe, i limiti delle emissioni sonore tollerabili, insomma iche il Comune di Milano predisponga il Piano di Zonizzazione Acustica.
Il Piano di Zonizzazione Acustica è parte integrante della pianificazione territoriale dell'Amministrazione Comunale, ne disciplina lo sviluppo urbanistico, commerciale, artigianale ecc., con l'obiettivo principale di garantire la salvaguardia della qualità della vita e della salute dei cittadini, anche mediante azioni idonee a riportare le condizioni di inquinamento acustico al di sotto dei limiti di norma.

Quindi, da consigliere di zona 3, mi sento di continuare a dire: i cittadini della zona 3, che già hanno i loro problemi di traffico e smog, inquinamento acustico per la presenza della ferrovia e della tangenziale ecc., non vogliono subire un ulteriore peggioramento della qualità della loro vita, non programmato e non preventivato.

Cordiali saluti a tutte/i
Antonella Fachin
Consigliere di Zona 3
Capogruppo Uniti con Dario Fo per Milano
www.lasinistrainzona.it
In risposta al messaggio di Aldo Lucchini inserito il 20 Ago 2008 - 17:54
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]