.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 612 ospiti collegati
.: Discussione: Lettera del Sindaco: Perche' Milano e' citta' leader

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 27 Nov 2007 - 17:26
accedi per inviare commenti
Da ViviMilano:
http://www.corriere.it/vivimilano/cronache/articoli/2007/11_Novembre/27/celentano_casati.shtml

«Intollerabile» l'appello a Berlusconi perché blocchi i progetti urbanistici

Uno dei papà del Pirelli: «Celentano sbagli»

Cesare Casati ha progettato il grattacielo insieme al suo maestro Giò Ponti: «Si rivolgono al passato, il futuro fa paura agli stupidi»

Dopo aver visto lo show di Celentano, Cesare Casati ha persino fatto fatica a prendere sonno. Architetto di fama internazionale, vanta tra i suoi maestri Giò Ponti con il quale ha progettato il grattacielo Pirelli di Milano. «Il consiglio nazionale dell'architettura dovrebbe querelare lui e la Rai che gli ha permesso questo scandalo nazionale» si sfoga Casati, direttore della rivista L'Arca, indignato non solo per la denigrazione della categoria a cui appartiene, ma soprattutto per il messaggio «di pessimismo contro il progresso» che il Molleggiato ha lanciato a milioni di telespettatori. «È cretino e stupido, per usare le sue parole ribellarsi al progresso: perché il progresso coinvolge tutti e tutto - aggiunge Casati, di due anni più anziano di Celentano -. Questi signori, per impotenza creativa, non potendo immaginare un futuro migliore si rivolgono al passato, perché il futuro fa paura agli stupidi».

I PROGETTI - I grattacieli sono proprio una delle più visibili espressioni di quel progresso tanto deprecato da Celentano. «Sono l'espressione dell'intelligenza umana: costruire un grattacielo vuol dire non occupar suolo, vuol dire poter respirare l'aria a cento metri d'altezza - dice Casati -. La battaglia di Celentano è retrograda, come quella di chi dice "non volate, usate il treno"». L'architetto giudica «intollerabile» l'appello a Silvio Berlusconi perché blocchi i progetti urbanistici del sindaco Moratti. «Intanto non sono progetti del Comune, ma il Comune ha l'obbligo di assecondarli perché sono il vero motore dello sviluppo della città e faranno arrivare a Milano i migliori architetti del mondo. E invece Celentano pensa a una Milano, non si sa bene alimentata da quale fonte energetica, di vecchie cascine e di navigli che sarebbero solo fogne a cielo aperto, ricettacolo di infezioni e tubercolosi».

27 novembre 2007
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 27 Nov 2007 - 13:24
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]