.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 46 ospiti collegati
.: Discussione: Raccolta firme su sicurezza Zona 2

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Marco Righetti

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Marco Righetti il 19 Nov 2007 - 10:44
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva

Presso le portinerie condominiali e gli esercizi commerciali della Zona 2 si sta diffondendo la "lettera aperta" di cui fornisco di seguito il testo. Lo scopo è quello di raccogliere un pò di firme e di riferimenti per prossime iniziative. Grazie a tutti coloro che vorranno contribuire a far circolare l'informazione. Come richiesto da Adriana B., ho pubblicata questo messaggio anche nella sezione dedicata alla Zona 3. Cordiali saluti a tutti.

Milano, 12 Novembre 2007
A tutti gli abitanti della Zona 2 di Milano
Chi scrive è un cittadino qualunque che abita come voi in questa Zona 2 di Milano.  E’ superfluo soffermarsi sulla situazione di crescente degrado in cui ci troviamo a vivere. Sia ben chiaro: razzismo o altre forme di discriminazione non c’entrano nulla. Qui parliamo di illegalità, criminalità, insicurezza, paura, violenza, maleducazione, sporcizia, abbandono, trascuratezza, disprezzo delle più elementari norme di convivenza civile. Sono questi i nemici che vogliamo combattere, a prescindere dai diversi schieramenti politici e culture.
In molti di noi, incluse purtroppo le forze dell’ordine a giudicare da certe testimonianze, sembra essere subentrata un forma di rassegnazione. Le istituzioni (qualunque esse siano) sembrano assenti. Giornali, televisioni, siti internet straboccano di articoli, servizi, discussioni: tutti parlano, tutti vedono, ma nessuno sembra poterci fare nulla.
Davvero non c’è più speranza? Dobbiamo veramente arrenderci? Le alternative sono:
1)       cercare di sopravvivere sperando che quando (non se) qualcos’altro di brutto accadrà, non debba accadere proprio a noi
2)       mollare tutto ed andarsene a vivere da qualche altre parte
3)       cercare in qualche modo di reagire, evitando di isolarci e di cadere preda di esasperazione e depressione.
Riuniamoci, facciamo comunità, impegnamoci un po’ di più personalmente, partecipiamo ad iniziative. Sempre, ben inteso, nel rispetto delle leggi e delle regole civili.
Cosa fare in concreto? Innanzi tutto fare sentire la nostra voce. Ecco alcuni esempi di azioni già in corso:
-          invio di continue segnalazioni ad autorità e organi di informazione;
-          raccolta di adesioni per organizzare al più presto una assemblea del Consiglio di Zona 2 e magari, a seguire, una manifestazione;
-          creazione di una rete che ci colleghi direttamente gli uni agli altri, lavoratori, commercianti e forze dell’ordine, possibilmente facendo leva su comitati cittadini già esistenti.
Se avete la possibilità di navigare in Internet, collegatevi al sito www.partecipami.it e accedete al forum di discussione della Zona 2: sono già pubblicate varie testimonianze che parlano di noi. Registratevi al sito ed intervenite nelle discussioni.
Sì, è un processo lungo ed impegnativo, ci vuole costanza, il tempo da dedicare è poco, si ha un po’ di paura ad esporsi, ci si sente sconfortati perché “tanto nessuno ci ascolta e/o fa nulla”, inoltre non vi sono garanzie di successo. Certamente da soli non possiamo fare molto, ma almeno proviamoci, facciamo numero, non soccombiamo passivamente. Svegliamoci noi e intanto speriamo che finalmente si svegli anche chi ci governa e ci amministra. In altre zone di Milano, come in altre città, qualcosa si sta muovendo. Muoviamoci anche noi, e se in passato è già stato fatto qualcosa, facciamolo ancora, e ancora, e ancora.
Se siete d’accordo sui contenuti di questa lettera firmate il foglio allegato: servirà intanto per verificare il numero di persone che vive i nostri stessi disagi ed è disposta a fare sentire la propria voce. E’ rivolta anche agli uomini e alle donne non italiani, onesti e di buona volontà, che abitano nella Zona 2 e che hanno davvero voglia di integrarsi nella nostra comunità.
Inoltre, se volete, indicate a fianco della firma un vostro riferimento (numero di telefono e/o indirizzo di e-mail) per essere eventualmente contattati di persona. Sempre se volete, scrivete nei fogli allegati i vostri commenti, suggerimenti, richieste. Ricordatevi comunque del sito www.partecipami.it, pubblicizziamolo e teniamo alta l’attenzione.
Per ora un grazie sincero e un grande augurio a tutti per un futuro migliore nella nostra Zona 2.