.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 33 ospiti collegati
.: Discussione: Sicurezza stradale e le non risposte del Presidente Zanichelli

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Maria Rosa Mastrosimone

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Maria Rosa Mastrosimone il 19 Ott 2007 - 22:01
Leggi la risposta a questo messaggio Discussione precedente · Discussione successiva
Buona sera a tutti,
Sono Maria Rosa e abito da pochi mesi in Via Comacchio al numero 3.
Ho scritto un fax il 20 settembre scorso al nostro Presidente Signor PAOLO ZANICHELLI, (ah, tra l'altro attendo ancora risposta) sottoponendo un problema che a me pare piuttosto grave: la pericolosità della viabilità, parlo da pedone, non da automobilista, delle Via Comacchio, Polesine, Mincio, di piazzale Ferrara, di Piazza Angilberto II e perchè no, anche della via Oglio, sede degli Uffici Comunali e del Consiglio di Zona; possibile che nessuno abbia mai segnalato ad alcuno tale situazione di estrema pericolosità? perchè io che sono un pedone, ma come me centinaia di altri pedoni, compresi mia madre, settantaduenne e mia figlia che di anni non ne ha ancora 6, dobbiamo tutti avere paura ad attraversare la strada, in queste zone appena menzionate? e perchè io, cittadino devo sentirmi rispondere DAL COMANDO DEI VIGILI DI ZONA VIGENTINA, "ma lei ci chiama per questo? si rivolga al comando di piazza BECCARIA!!!" ma se non parlo con i vigili della mia zona, che dovrebbero tra le altre cose, conoscere molto bene i problemi di quartiere, io, cittadino, con chi devo parlare???
perchè io, cittadino, mi devo sentire abbandonato da chi invece dovrebbe sostenermi, aiutarmi ed ascoltarmi, e trovare un riscontro solo attraverso una associazione ONLUS che risponde al nome di AIVIS e che si occupa di sostenere le famiglie e le vittime degli incidenti della strada e sul lavoro, oltre a farsi carico di segnalare alle istituzioni, sempre più latenti, aggiungo, le zone a rischio per quanto riguarda la sicurezza stradale, affinchè trovino rimedi efficaci alla risoluzione dei problemi?
Oggi leggo, con grande piacere, sul sito di AIVIS, la lettera scritta dalla Dottoressa Barbarossa, su questo tema, parla proprio di noi!!!! ma dai!!!!! (ma anche di altre zone "a rischio")  ed inviata al Signor Sindaco di Milano, a diversi assessorati, al Comando dei Vigili , e, udite....udite.....al Consiglio di Zona!!!!!!!
SIGNOR ZANICHELLI, C'è POSTA PER TE!!!!!!
Chissà se stavolta risponde??????