.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 35 ospiti collegati
.: Discussione: Case, edilizia, gestione del patrimonio comunale ecc.

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 26 Gen 2008 - 21:49
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Dal sito Web del Comune di Milano:

Casa

Stop agli abusivi

L'assessore alla Casa Verga è intervenuto a un convegno organizzato da Cgil e Sunia su come contrastare il fenomeno delle occupazioni abusive nei quartieri popolari


L’abusivismo è un problema serio per città come Milano, soprattutto per la sicurezza nei quartieri popolari. Questo tema è stato trattato durante il convegno dal titolo "Basta abusivismo e illegalità", organizzato da Cgil e Sunia, la principale organizzazione sindacale che tutela gli inquilini.

“La nuova legge regionale sui canoni d’affitto - ha dichiarato l’assessore alla Casa Gianni Verga, durante il suo intervento – contiene alcune novità interessanti sul problema dell’abusivismo. Essa prevede infatti alcuni nuovi strumenti, come i piani per la sicurezza dell’abitare, che servono proprio a combattere la piaga diffusa delle occupazioni negli alloggi di edilizia popolare. L’Amministrazione comunale si sta occupando dell’argomento anche attraverso un’apposita sottocommissione consiliare istituita dal Consiglio comunale per andare a fondo del problema”.

“Stiamo lavorando molto per combattere questo fenomeno – ha proseguito l’assessore - per questo motivo è fondamentale la collaborazione con il sindacato. L’Amministrazione comunale è molto sensibile a questi temi, proprio per l’attenzione che rivolge ai più bisognosi della città. La recente sentenza della Corte Costituzionale, che ha stabilito che “occupare una casa non è reato per chi è estremamente indigente”, ha creato false aspettative e situazioni di imbarazzo perché i più poveri pensavano di poter occupare le abitazioni legittimamente”.

“Per far fronte a questa situazione – ha spiegato Verga – teniamo sempre aggiornate le graduatorie di assegnazione”.

Durante il suo contributo l’assessore alla Casa ha illustrato i dati statistici relativi alle graduatorie e agli alloggi assegnati dal Comune nell’anno 2007.

"Le domande di alloggio pervenute nel 2007 sono state in tutto 20.021 di cui, quelle idonee sono 16.228, la metà delle quali è stata presentata da soggetti con redditi Ise inferiori ai 7.000 euro. Nel 2007 – ha concluso Verga – sono stati assegnati circa 1000 alloggi. Tanti se si tiene conto che l’anno scorso il Governo non ha stanziato alcun fondo per la casa e la situazione si è pertanto aggravata".

(26/01/2008)

In risposta al messaggio di Andrea Bonessa inserito il 22 Dic 2005 - 20:23
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]