.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi รจ online

Ci sono attualmente 0 utenti e 20 ospiti collegati
.: Discussione: Internet per tutti a Milano?

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Paolo Romeo

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Paolo Romeo il 18 Feb 2006 - 14:15
accedi per inviare commenti
Ho scritto una riflessione "a caldo" in Rete Cittadini Milano che mi sembra giusto inserire anche qui, mentre elaboro una riflessione "a freddo" sull'incontro che ci segnala Oliverio. Eccolo.

Ho seguito l'incontro " Internet, un bene pubblico per Milano: strumento di democrazia, partecipazione e sviluppo economico" tenutosi presso la libreria "Archivi del '900".

L'ho trovato interessante ma, debbo ammetterlo, non ho colto nella maggior parte degli interventi la consapevolezza dell'esigenza, alla base del progetto, di avere un piano di sviluppo economico-sociale che sia all'origine (e non una conseguenza) del progetto stesso. Credo anzi, ma forse sbaglio, che il progetto di cui si è parlato si basi sostanzialmente se non unicamente su un'idea di internet diffusa, a prescindere da ciò che poi si svilupperà conseguentemente. In tal senso ho apprezzato due interventi, quello di Fiorella De Cindio che richiamava all'importanza della partecipazione e quello di un esterno che affermava di temere che in un'infrastruttura in quanto tale vi è sempre qualcuno che tende a riempire il vuoto dei contenuti con, appunto, dei contenuti.

Non ho colto la necessaria attenzione al concetto di "network del territorio" fra servizi pubblici e privati da un lato e strumenti di sviluppo della partecipazione (fatto salvo per quest'ultimo l'intervento di Fiorella De Cindio) dall'altro. Ma nemmeno ho colto uno spirito progettuale capace di dare una definizione al welfare, quel welfare che attraverso la rete può trovare una sua modalità di sviluppo.

E d'altra parte in uno degli interventi conclusivi (parlava quel signore che sottolineava che lui è più vicino alla tecnica che alla politica (!), lo dico unicamente per identificarlo) ho colto proprio, in forma sintetica, la mancanza di consapevolezza di queste necessità e di questa progettualità che sole, a mio avviso, definiscono il contenuto propulsivo di questa proposta per la collettività umana, economica e sociale, della città.

E' un commento a caldo ma spero di sentirne altri.

Ciao


http://www.retecivica.milano.it/home/paolo.romeo/
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 16 Feb 2006 - 10:15
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]