.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 53 ospiti collegati
.: Discussione: Cantiere in piazza XXV Aprile, la situazione è insostenibile

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 0
Num.Votanti: 0
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 11 Lug 2008 - 09:36
accedi per inviare commenti
Da ViviMilano - caso del giorno

http://www.corriere.it/vivimilano/caso_del_giorno/articoli/2008/07_Luglio/10/caso.shtml


Il caso del giorno

Meda e S. Ambrogio, ripartono cantieri box

Bruno Simini, assessore al Lavori pubblici, fa il punto sul Piano Parcheggi: si va verso la conclusione. Problema piazza XXV Aprile

Caro Schiavi, dal primo gennaio ho la responsabilità della realizzazione del Piano Parcheggi e il primo provvedimento che ho assunto è stato la nomina di persone dedicate a tempo pieno ad affrontare la situazione, oggettivamente complessa, del Piano Parcheggi sotterranei.
Da quel giorno, sono cambiate molte cose: è stato effettuato il collaudo di 11 parcheggi residenziali per 1.600 box, sono in fase di ultimazione lavori che porteranno per il prossimo autunno a 2 mila nuovi posti auto sotterranei e sono stati avviati i lavori di otto nuovi parcheggi.

Abbiamo inoltre stabilito nuove regole per tutelare tutti, soprattutto i cittadini, che confidiamo possano ridurre, in futuro, molte delle criticità riscontrate in questi anni. La nuova convenzione verrà firmata, a breve, per nove realizzazioni. Certo, ci sono state anche delle situazioni più critiche che ci hanno posto di fronte a problemi significativi e non ancora risolti, come Meda, XXV Aprile e Sant'Ambrogio. Per questi progetti, abbiamo tuttavia individuato percorsi che ci stanno portando a soluzioni definitive. Basti pensare che per tutte e tre le realizzazioni erano in corso, da più di due anni, indagini archeologiche: da dicembre, grazie alla collaborazione della Sovrintendenza, siamo riusciti a far concludere in due mesi.

Per quanto riguarda Sant'Ambrogio, dopo mesi di diatribe, è stata raggiunta un'intesa sulla riqualificazione superficiale, che consentirà di far partire i lavori a breve. Entro la fine del mese definiremo, invece, il quadro di riequilibrio economico del parcheggio di piazza Meda: verranno mantenuti tutti i posti a rotazione previsti, di cui la città ha fortemente bisogno, con tariffe concorrenziali. Il fermo lavori in largo Gavirate invece non è imputabile all'Amministrazione. La Procura ha aperto un fascicolo che ha portato a temporanea sospensione dei lavori, a causa di un esposto da parte della dirigenza delle scuole adiacenti, che ritenevano insicura la loro attività.

Dato che il progetto è già stato modificato mesi fa, siamo certi che anche questa situazione verrà presto risolta. Quello che ci ispira è sempre diminuire il disagio ai cittadini e confidiamo che qualche disavventura e qualche esperienza negativa possa essere di insegnamento per il futuro.


Bruno Simini
- assessore ai Lavori pubblici

Gentile assessore,
riassumendo, ci sembra di aver capito che il piano parcheggi della vecchia giunta Albertini sta per arrivare a dama dopo qualche sudore freddo per il Comune. In particolare: 1) per Sant'Ambrogio si prepara l'accelerazione finale con l'accordo sulla riqualificazione della piazza e la trasformazione dell'area in isola pedonale; 2) per piazza Meda si deve trovare un punto di mediazione tra l'impresa costruttrice e il Comune per i danni del fermo cantiere: è probabile un allungamento dei tempi della convenzione per gestire i parcheggi a rotazione e un ritocco verso l'alto delle tariffe. Questo compenserebbe i 2 milioni di euro perduti dalla ditta per la paralisi degli scavi archeologici; 3) per piazza XXV Aprile siamo in alto mare. Gli errori di partenza, il problema dei tiranti, l'alta concentrazione di negozi, la mancanza di permessi da parte dei condomini, lasciano la situazione così com'è: assai confusa. In conclusione: con i poteri straordinari un sindaco ha trasformato Milano in un Klondike dove si è scavato senza pensare all'impatto ambientale. Dagli errori si impara, lei scrive quasi scusandosi, e di questo la ringraziamo. Ma avremmo preferito qualche errore di meno e qualche attenzione (verso i cittadini) in più.

Giangiacomo Schiavi
10 luglio 2008
In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 9 Lug 2008 - 12:31
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]