.: Login

Hai dimenticato la password?

.: Newsletter


.: Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 11 ospiti collegati
.: Discussione: Cantiere in piazza XXV Aprile, la situazione è insostenibile

Opzioni visualizzazione messaggi

Seleziona la visualizzazione dei messaggi che preferisci e premi "Aggiorna visualizzazione" per attivare i cambiamenti.
:Info Utente:

Oliverio Gentile

:Info Messaggio:
Punteggio: 5
Num.Votanti: 1
Quanto condividi questo messaggio?





Inserito da Oliverio Gentile il 30 Set 2010 - 14:18
Leggi la risposta a questo messaggio accedi per inviare commenti

Da milano.corriere.it:

La data di fine lavori, in piazza XXV Aprile, è stata fissata e sempre rinviata

Il teatro Smeraldo chiude
«Rovinati dai cantieri dei box»

Longoni: questa è l'ultima stagione. «Abbiamo perso 100 mila spettatori, oltre tre milioni di euro»

MILANO - «Questa è l'ultima stagione». L'autunno dello Smeraldo è un epitaffio. Il patron Gianmario Longoni annuncia la chiusura del secondo teatro italiano (per dimensioni), ultima vittima di un cantiere accidentato, infinito, che prima ha trasformato la sala in una ridotta militare e poi ha logorato lo Smeraldo, mese dopo, quattro anni di lavori a rilento. «Abbiamo perso 100 mila spettatori, oltre tre milioni di euro. Il vero buco - dice Longoni - non è più davanti al teatro, ma dentro». Fuori, dall'estate 2006 si scavano 322 box privati e 346 posti auto a rotazione: dovevano essere consegnati venti mesi fa, c'è poco più di una vasca. Lo Smeraldo è stato ucciso dai ritardi, abbandonato da clienti e sponsor: «Noi non abbiamo finanziamenti pubblici e non riusciamo a trovare una soluzione autonoma per andare avanti». Finisce qui.

Piazza XXV Aprile al 10, fin dagli anni Quaranta.
Lo Smeraldo nasce cinema ed è la direzione artistica di Longoni, trent'anni fa, a trasformarlo in teatro. «Un teatro ecumenico, democratico», rivendica il patron: palco per Nureyev e i Legnanesi, Jesus Christ Superstar, Astor Piazzolla e Beppe Grillo (a ottobre). «Il cantiere ha depresso non solo una proposta culturale, ma un vero e proprio atto sociale», sottolinea Longoni: «Abbiamo dovuto tagliare gli spettacoli, ché gli artisti non vengono più volentieri. Produco opere agli Arcimboldi, ma fatico a lavorare a casa mia. Chiariamo: sto cercando qualsiasi soluzione per trovare denaro, ma non penso di riuscire a farcela. Ma questa situazione è insostenibile anche dal punto di vista morale, ormai: il vero scandalo è che le istituzioni della città non si siano minimamente preoccupate, che non percepiscano questo come un problema della città. Chiude un teatro? Se ne fregano. Non dico a Oslo, ma a Roma sarebbe successo».

La data di fine lavori, in piazza XXV Aprile, è stata fissata, rinviata,
ogni volta sbagliata. L'ultima scadenza indica primavera 2011: aspettiamo. Intanto, gli spacciatori hanno occupato la zona; il tabaccaio Pino Catapano, strozzato dai debiti, ha passato la mano; Rocco Princi, l'imprenditore del pane, ha licenziato 40 persone, dimezzato il personale e perso 60 per cento fatturato, nel punto vendita affacciato dal cratere; il prezzo di un box, in quattro anni, è lievitato di oltre 7 mila euro sul preventivo iniziale; i posteggi a pagamento, nei vecchi autosilo del quartiere, continuano a restare semivuoti, anche il sabato sera. Longoni ha visto, sa, ha raccolto le denunce, si è messo anche alla testa della protesta. Ora cede, sfinito: «Salvo miracoli, la nostra esperienza in quella sede si concluderà nel giugno 2011».

Il patron dello Smeraldo è abituato a traslochi, chiusure e rinascite.
Il Ciak, sfratto dal palazzo di via Sangallo, s'è spostato alla Fabbrica del Vapore in attesa di trovare uno spazio definitivo alla Bovisa («Aspettiamo l'inizio dei lavori, il ritardo è dovuto a difficoltà finanziarie»). Dopo aver «preso» il Sistina, a Roma, proprio in questi giorni Longoni sta trattando con la proprietà per riaprire (con un contratto d'affitto) anche l'Ambra Jovinelli, un'altra sala della Capitale: «Potremmo annunciare la nuova stagione tra novembre e dicembre». Quanto allo Smeraldo, l'addio potrebbe rivelarsi un arrivederci: «Stiamo discutendo con l'immobiliare Hines per avere una sede nell'area di Garibaldi-Repubblica, c'è la volontà comune di arrivare a un accordo». Il teatro potrebbe risorgere (nel 2012) all'ombra dei grattacieli disegnati da Cesar Pelli, nel centro polifunzionale di Porta Nuova. A 300 metri da piazza XXV Aprile.

Armando Stella

30 settembre 2010

In risposta al messaggio di Oliverio Gentile inserito il 6 Set 2007 - 16:11
[ risposta precedente] [ torna al messaggio] [risposta successiva ]
[Torna alla lista dei messaggi]